Ultimi articoli inseriti Talenti
Ultimi articoli inseriti Zaccheo
Ultimi articoli inseriti Bartimeo
Ultimi articoli inseriti Ciao Giorgio
Ultimi articoli inseriti Il giudice iniquo

Il Cristo

In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti». 
Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.
E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere. 
Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini». Mc 8,27-33

Ha appena riconosciuto nel falegname di Nazareth il Messia, l’atteso, l’inaudito di Dio, Pietro. E lui, il rabbì, gli ha restituito il favore, svelando al rude pescatore di Cafarnao di essere una roccia, nel cuore. E Simone, scopertosi Pietro, si monta la testa, figuriamoci. Gesù svela a Pietro e ai suoi che, per lui, essere Messia non significa fare il guerriero, o il re divino, ma il servo della Parola, il servo di Dio, suo Padre. Ed è disposto a farlo fino alla fine, fino in fondo, anche al prezzo della propria vita. Attimo di imbarazzo e di tensione, nel gruppo dei Dodici. E Pietro, appena eletto papa, prende da parte Gesù e lo invita a non scoraggiare il morale delle truppe. E Gesù lo rimprovera duramente: quel pensiero è satanico, e invita Pietro a convertirsi. Succede anche a noi così: proprio perché bravi cattolici, corriamo il rischio di voler insegnare a Dio come si fa a governare il mondo. Quando la Chiesa piega Dio alla propria volontà tradisce la sua missione e la sua natura. Seguiamo il Signore anche quando è esigente, senza prenderlo da parte, abbiamo il coraggio, proprio perché divenuti discepoli, di seguire il Maestro nelle difficili e a volte crocefiggenti strade del Vangelo.

Category: Parole

Tags:

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CHIUDI