Ultimi articoli inseriti Pietro maestro
Ultimi articoli inseriti Donare la vita
Ultimi articoli inseriti Voi chi dite che io sia?
Ultimi articoli inseriti Come alberi che camminano
Ultimi articoli inseriti Incomprensioni

Filippo e Giacomo

In quel tempo, disse Gesù a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». 
Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». 
Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.
In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò». Gv 14,6-14

Celebriamo la memoria dei santi Filippo e Giacomo, i cui corpi sono venerati nella Chiesa dei dodici apostoli a Roma.

Che senso dell’ironia ha lo Spirito nel mettere insieme due santi così diversi! Filippo, discepolo del Battista, il cui nome e le amicizie denunciano una provenienza meticcia, capofila di coloro che si aprono al dialogo con i pagani, è celebrato insieme a Giacomo il minore, cugino di Gesù, che sostituirà Giacomo il primo apostolo ucciso, alla guida della comunità di Gerusalemme, piuttosto conservatore. Eppure così è la Chiesa, fatta di progresso e innovazione nella tradizione e nella tutela del deposito della fede. Filippo e Giacomo sono come i due simboli, le due facce della Chiesa che, sempre, è chiamata a non tradire o svendere il prezioso tesoro del vangelo consegnatoci da Cristo e, nel contempo, a non arroccarsi o chiudersi al mondo. Così, in questi duemila anni, la Chiesa è riuscita, bene o male, a restare fedele al mandato del Signore, confrontandosi con le svolte della Storia conservando l’essenziale e mutando il provvisorio. Che i due apostoli, così diversi nelle loro sensibilità e nella loro storia personale, ci insegnino a difendere la diversità all’interno della Chiesa, senza adottare logiche mondane che tradiscono l’equilibrio creato dal Maestro Gesù.

Category: Santi

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui