Ultimi articoli inseriti Al sepolcro
Ultimi articoli inseriti Surrexit
Ultimi articoli inseriti L’attesa
Ultimi articoli inseriti Silentium
Ultimi articoli inseriti Lavanda

Lazzaro il povero

In quel tempo, Gesù disse ai farisei: 
«C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti. Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe. 
Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: “Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma”. 
Ma Abramo rispose: “Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi”. 
E quello replicò: “Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento”. Ma Abramo rispose: “Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro”. E lui replicò: “No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno”. Abramo rispose: “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti”».

Lc 16,19-31

In tutte le parabole che racconta Gesù, mai un protagonista è chiamato per nome, solo una volta, qui. Dio conosce per nome Lazzaro, mentre non ha nome il ricco gaudente (questo il significato di “epulone”) che passa la sua vita facendo i suoi affari, non provando per il mendicante che muore alla sua porta la pietà che, pure, gli riconoscono i cani inteneriti dalla sua condizione. Non si dice che sia particolarmente malvagio, il ricco, è solo indifferente, distratto dalle sue molte attività: ha creato un abisso fra sé e il resto del mondo un abisso che, purtroppo, gli impedisce, in vita e in morte, di raggiungere Dio. Abramo, che stringe a sé il povero Lazzaro, è sinceramente dispiaciuto di non potere accogliere il ricco, l’abisso da lui creato è incolmabile anche per Dio. Sciocco epulone, non ha ascoltato la voce pressante dei profeti che ricordano come Dio si identifichi nell’orfano e nella vedova, non ha dato retta alle infuocate parole della Bibbia che raccomanda l’elemosina. E ora, solo, non si capacita della sua superficialità. Stiamo attenti, amici, a non commettere lo stesso errore, riconosciamo i tanti Lazzaro che oggi incontreremo, per rivolgere loro almeno un saluto.

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE