Ultimi articoli inseriti Cosa fate di straordinario?
Ultimi articoli inseriti Occhio per occhio
Ultimi articoli inseriti Parola di Papa
Ultimi articoli inseriti Giuramenti
Ultimi articoli inseriti Nel proprio cuore

Immacolata

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». 
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

E l’angelo si allontanò da lei. (Lc 1,38) Non si tratta di un’inutile annotazione cronologica, ma della descrizione di ciò che sta per accadere. L’angelo se ne va e non tornerà mai più. Nessun angelo, da ora in avanti, verrà a rassicurare Maria, ad incoraggiarla, a sostenerla. Inizia la fatica della fede, l’avventura della solitudine, il discepolato. Bene scrive sant’Agostino: Maria concepì prima nella mente che nel grembo. Come accade a noi. Ci sono momenti in cui abbiamo la netta percezione della presenza di Dio. Momenti di un’intensità straordinaria, capaci di stravolgere una vita. Ma sono solo attimi fugaci. Il resto è fatica, dubbio, pena, disciplina, esercizio della volontà.

Nessun angelo viene in soccorso. Molti vedono Maria come una privilegiata. L’annotazione finale di Luca racconta qualcosa di molto diverso. Prima fra i credenti, madre dei discepoli, Maria è grande perché lotta tutta la vita per rendere quel sì il cuore delle sue scelte quotidiane. Come noi, anche lei ha dovuto affrontare il passare dei giorni e degli anni, mantenendo fermo nel suo cuore il proposito di far diventare la sua vita un gigantesco “sì” all’opera che Dio ha compiuto attraverso di lei. E che opera attraverso di noi, se lo lasciamo fare…

Category: Santi

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE