Ultimi articoli inseriti Non conviene sposarsi
Ultimi articoli inseriti Settanta volte sette
Ultimi articoli inseriti Assunta in cielo
Ultimi articoli inseriti Diventare bambini
Ultimi articoli inseriti La tassa del tempio

Filippo e Giacomo

In quel tempo, disse Gesù a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». 
Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». 
Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.
In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò». Gv 14,6-14

La memoria di due apostoli, Filippo e Giacomo, ci inseriscono nel grande solco della predicazione degli apostoli che ci hanno consegnato il vangelo giunto intatto fino a noi…

Quanto è simpatica la Provvidenza! È difficile immaginare la festa di due apostoli così diversi fra loro! In realtà la loro memoria è legata alla traslazione a Roma delle loro reliquie, avvenuta nello stesso momento. Filippo è di Betsaida, in Galilea, il nome ne tradisce l’origine meticcia, discepolo del Battista, sarà lui a portare dei greci al cospetto di Gesù. Un uomo di confine, quindi, che riesce a superare e a far superare agli apostoli le chiusure del piccolo mondo giudaico. Mondo da cui proviene invece Giacomo il minore, cugino di Gesù, primo vescovo di Gerusalemme e autore di una lettera finita poi nel Nuovo Testamento. Persona piuttosto conservatrice e molto attenta alla continuità con la tradizione giudaica, Giacomo si scontrerà frontalmente con le eccessive aperture di un altro apostolo, Paolo. E la Provvidenza li ha messi insieme, Filippo, il più straniero fra gli apostoli e Giacomo, il più conservatore, per ricordarci ancora una volta che la Chiesa non è quello sgorbio che troppo spesso pensiamo nel cuore, ma la manifestazione piena della creatività e della fantasia di Dio che non respinge nessun uomo che porti nel suo cuore il desiderio di infinito…

Category: Santi

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE