Ultimi articoli inseriti Dalla barca
Ultimi articoli inseriti Cuori paralizzati
Ultimi articoli inseriti Scandaloso
Ultimi articoli inseriti Vino nuovo
Ultimi articoli inseriti Chiamati

Condizioni avverse

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.
Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia.
Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande». Mt 7,21-27

Nelle tempeste della vita, può accadere che la nostra fede sia messa a dura prova. L’unica possibilità che abbiamo è quella di costruire le nostre convinzioni sulla salda roccia della Parola di Dio.

Non basta conoscere la Parola di Dio. E neppure la preghiera intensa e quotidiana. Non basta avere fatto esperienza di Dio in un ritiro o un pellegrinaggio. Non basta neppure essere stati chiamati da Dio ad annunciare la Parola, investiti direttamente da lui. Non basta tutto questo perché la casa della nostra fede non crolli alla prima tempesta. Non basta l’ascolto, dice il Signore, ci vuole la credibilità, la coerenza, la vita concreta, i fatti. Siamo pieno di cristiani che si mettono in mostra davanti a Dio e lo smentiscono nel segreto della loro vita. Il Signore chiede autenticità, verità, anche a costo di sanguinare di sperimentare la propria oscena nudità interiore. Se, travolti dagli eventi della vita, abbiamo visto le nostre certezze crollare, e i dubbi radere al suolo la nostra presunta fede, forse è accaduto perché la nostra fede era costruita sulla sabbia delle nostre piccole convinzioni umane. Se il Signore ci ha chiamato ad essere suoi discepoli, e da anni camminiamo, con semplicità, sulla strada del Vangelo, non presumiamo delle nostre forze, ma ancoriamoci saldamente alla Parola che può ancorare la nostra vita alla roccia, senza temere le tempeste.

Category: Parole

Tags:

2 comments

  1. “Non basta l’ascolto, dice il Signore, ci vuole la credibilità, la coerenza, la vita concreta, i fatti. Siamo pieno di crisatiani che si mettono in mostra davanti a Dio e lo smentiscono nel segreto della loro vita.”
    In questo periodo sto riflettendo molto su questo. Cerchi di vivere una vita coerente e di fede, poi, arriva la tempesta e ti accorgi di essere piccolo, povero, che devi ricominciare da capo perché ti sei lasciato lusingare dagli specchietti per le allodole di questa società…..
    Ma chi glielo ha fatto fare a Gesù di incarnarsi?

  2. Autentici…insaporiti…illuminati a giorno con il Suo Amore…grazie Paolo…infinitamente per come riesci a scavare dentro di me…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui