Ultimi articoli inseriti Lavaggi
Ultimi articoli inseriti Salomone
Ultimi articoli inseriti Fioritura tardiva
Ultimi articoli inseriti Beato il grembo!
Ultimi articoli inseriti L’uomo forte

Matteo

In quel tempo, mentre andava via, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.
Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?».
Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: “Misericordia io voglio e non sacrifici”. Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori».Mt 9,9-13

Oggi la Chiesa celebra la santità di Matteo, primo evangelista, che la tradizione identifica con Levi il pubblicano che, incontrato Cristo, lascia tutto per mettersi a servizio del Vangelo.

Gli esperti discutono su chi abbia veramente scritto il primo vangelo, attribuito a Matteo, identificato con Levi il pubblicano. Si sa per certo che era un ebreo di buona cultura e che ha scritto il suo testo riprendendo pari pari quello di Marco, precedente al suo e più stringato, pensando alla sua comunità, probabilmente composta da giudeo-cristiani rimasti molto turbati dalla distruzione del tempio di Gerusalemme. È bello pensare che Levi, efficace funzionario a servizio dei romani, considerato un traditore da parte dei suoi concittadini, avvezzo agli insulti ma determinato e avido, si sia lasciato intenerire e si sia sciolto come neve al sole davanti alla chiamata del profeta di Nazareth. Dio sceglie i suoi discepoli fra le persone meno probabili, chiamando uno come lui che da tempo non entrava in una sinagoga. Ma così è Dio, gli piace proprio sparigliare le carte, scuotere la calma, fare il birichino. Perciò Dio chiama chi vuole, quando vuole, come vuole, e non chiede permesso a nessuno, nemmeno alla Chiesa, nemmeno a noi Chiesa, per farlo. Matteo è la testimonianza vivente del fatto che chiunque può fare esperienza di Dio.

Category: Santi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CHIUDI