Ultimi articoli inseriti La vedova di Naim
Ultimi articoli inseriti Il centurione
Ultimi articoli inseriti Croce gloriosa
Ultimi articoli inseriti Maestro
Ultimi articoli inseriti Una misura colma

Tesori

In quel tempo, Gesù parlò dicendo: 
«Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti alla gente; di fatto non entrate voi, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrare. 
Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo prosèlito e, quando lo è divenuto, lo rendete degno della Geènna due volte più di voi.
Guai a voi, guide cieche, che dite: “Se uno giura per il tempio, non conta nulla; se invece uno giura per l’oro del tempio, resta obbligato”. Stolti e ciechi! Che cosa è più grande: l’oro o il tempio che rende sacro l’oro? E dite ancora: “Se uno giura per l’altare, non conta nulla; se invece uno giura per l’offerta che vi sta sopra, resta obbligato”. Ciechi! Che cosa è più grande: l’offerta o l’altare che rende sacra l’offerta? Ebbene, chi giura per l’altare, giura per l’altare e per quanto vi sta sopra; e chi giura per il tempio, giura per il tempio e per Colui che lo abita. E chi giura per il cielo, giura per il trono di Dio e per Colui che vi è assiso». Mt 23,13-22

Mi tremano i polsi, leggendo queste parole. Perché so bene, come sai anche tu, amico lettore, che Gesù si sta rivolgendo a noi, prima ancora che ai farisei. Perché certe sottili storture, certi inciampi, certe abnormità non sono confinate a quel tempo. Il mondo “religioso” rischia continuamente di scivolare nell’eccesso, di ricadere negli stessi errori. Come quelli che compiono coloro i quali, anche fra noi cristiani, percorrono chilometri pur di fare un proselito. Il problema è che il proselito non lo cercano fra i non credenti… ma dentro la parrocchia! E quanti, sentendosi un po’ più devoti degli altri, decisamente più cattolici e ferventi, alla fine della fiera chiedono ai seguaci molto di più di quanto la Chiesa, nella sua saggezza bimillenaria, chiede. Così rischiamo di forgiare dei “super-cattolici”, che aggiungono sempre una preghiera, una devozione, qualcosa che distingua, che manifesti più fede, che sia più di quanto chiesto. Gesù, poi, entra nel dettaglio. E questa volta a tremarmi sono le ginocchia… Perché anche noi, a volte, tutti presi dai nostri ragionamenti, ci arrampichiamo sugli specchi per non vedere cose palesemente sbagliate. Il Signore ci perdoni!

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE