Ultimi articoli inseriti Le discepole
Ultimi articoli inseriti La peccatrice
Ultimi articoli inseriti Capricci
Ultimi articoli inseriti La vedova di Naim
Ultimi articoli inseriti Il centurione

L’uomo forte

In quel tempo, [dopo che Gesù ebbe scacciato un demonio,] alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. 
Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche Satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.
Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino. 
Chi non è con me, è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde.
Quando lo spirito impuro esce dall’uomo, si aggira per luoghi deserti cercando sollievo e, non trovandone, dice: “Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito”. Venuto, la trova spazzata e adorna. Allora va, prende altri sette spiriti peggiori di lui, vi entrano e vi prendono dimora. E l’ultima condizione di quell’uomo diventa peggiore della prima». Lc 11,15-26

No, Gesù non agisce per opera del demonio, figuriamoci! I suoi avversari non sanno proprio più a cosa appigliarsi per negare la forza della sua profezia! E Gesù, invece di ignorare un’obiezione tanto piccina, perde tempo per ragionare: come può satana cacciare satana? Che logica è mai questa? Distruggerebbe il suo regno! Gesù approfitta del tema per parlarci del rapporto fra il discepolo e il demonio, che esiste ed è molto meno affascinante di quanto la modernità lo dipinga attraverso espressioni grottesche. Esiste il male e agisce, travestendosi da bene, continuamente. Lo fa mettendo a dura prova la nostra libertà, facendoci credere che non esiste il peccato e, se esiste, riguarda cose macroscopiche, o gli altri. Gesù, allora, ammonisce i propri discepoli a lottare, ad essere forti nella tentazione, grazie alla preghiera. Inoltre Gesù invita i super devoti a non esagerare: diventare santi non significa non peccare ed esiste una sottile e terribile forma di santo egocentrismo che ci fa desiderare di essere senza peccato. Pessima idea, dice Gesù, una casa troppo linda e pulita attira l’attenzione di molti altri demoni!

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE