Ultimi articoli inseriti Mio Signore!
Ultimi articoli inseriti Coraggio, figlio
Ultimi articoli inseriti Che vuoi da noi?
Ultimi articoli inseriti Chi sei?

Preghiera, elemosina, digiuno

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli. 
Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipocriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà». Mt 6,1-6.16-18

Elemosina, preghiera, digiuno: nuovamente Gesù ridisegna il modo che gli uomini religiosi di ogni epoca hanno di manifestare la loro fede e la loro devozione. Nell’impegnativo discorso della montagna, Gesù, ispirandosi alle beatitudini che ha proclamato e che vive con passione, analizza impietosamente una fede ipocrita ed esteriore, che non avvicina a Dio. L’elemosina, allora, diventa l’occasione per soccorrere il povero, ma solo se fatta in segreto, senza elenchi di benefattori e applausi in diretta: la carità cristiana non può che essere discreta. La preghiera è un evento personale, umile, nascosto, che non va mostrato: non esiste la classifica dei santi e dei professionisti della preghiera. Il digiuno, se fatto, va praticato nel segreto del cuore, per non ricevere i complimenti degli altri. Gesù, insomma, rende autentica la fede, la priva della gratificazione che, a volte, sostituisce l’incontro con Dio, la rende vera. Gesù rimette il rapporto fra l’uomo e Dio come deve essere: un evento personale, intimo, che rifugge l’ostentazione, che vive di umiltà e di discrezione, di nascondimento e di verità, proprio come egli ha fatto.

Category: Parole

Tags:

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui