Ultimi articoli inseriti Capricci
Ultimi articoli inseriti La vedova di Naim
Ultimi articoli inseriti Il centurione
Ultimi articoli inseriti Croce gloriosa
Ultimi articoli inseriti Maestro

Piove

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 
«Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. 
Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? 
Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste». Mt 5,43-48

Quanto mi mette in crisi questa parola del Signore! Quanto vorrei che non l’avesse mai pronunciata! Il suo ragionamento è drammaticamente lineare: se amiamo quanti ci amano cosa facciamo di straordinario? Ci è naturale voler bene a quanti ci trovano simpatici! La novità del vangelo consiste, invece, nello scardinare i luoghi comuni, nel superare gli istinti e le simpatie. Se è normale salutare chi ci saluta, è evangelico salutare chi ci ignora o ci disprezza. E non per sfida o sentendoci migliori, ma perché imitiamo la logica del Padre che offre opportunità a tutti gli uomini! Certo: dobbiamo stare attenti a non banalizzare questa pagina. È faticoso amare i nemici e pregare per la loro conversione, richiede anni di disciplina e conversione. Gesù per primo lo ha fatto ma con dignità e fermezza. Amare i nemici non significa certo farsi usare o lasciare che i prepotenti ci usino, ma affermare le proprie ragioni senza usare la violenza. Leggetevi l’atteggiamento tenuto da Gesù durante il processo-farsa cui è sottoposto e vedrete come riesce a conciliare bene l’esigenza della giustizia con la misericordia che chiede ai discepoli e che egli, per primo, ha saputo vivere…

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE