Ultimi articoli inseriti Vietatissimo
Ultimi articoli inseriti Piume
Ultimi articoli inseriti Urrà!
Ultimi articoli inseriti Guai a voi
Ultimi articoli inseriti La spada

Tommaso

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!». Gv 20,24-29

Oggi la chiesa celebra la memoria di Tommaso, uno dei discepoli più conosciuti ma non sempre capito nella sua illuminante storia personale.

Da anni combatto un’accesa battaglia contro la semplificazione del giudizio, tanto più se il giudizio riguarda la fama di un santo come Tommaso, passato alla storia per la sua incredulità. Chi continua ad affermare questa sciocchezza non ha, evidentemente, mai letto il vangelo. La storia di una persona va letta nella sua complessità, nella sua evoluzione. E il Tommaso che troviamo nel vangelo è un fervoroso credente disposto ad andare a Gerusalemme, seguendo Gesù, anche quando l’aria che tira intorno a lui è carica di tensione e che chiede al Signore, dopo l’ultima cena, come poterlo seguire. Non stupisce, allora, la rabbia che Tommaso manifesta ai suoi amici dopo il dramma della croce. Tommaso, come abbiamo letto, è assente nel momento in cui Gesù risorto appare ai suoi e, alla testimonianza di questi, si rifiuta di credere. A loro, non alla resurrezione. Come possono essere credibili e credute persone che sono fuggite davanti alla croce? È amareggiato e deluso, Tommaso, come tutti quelli che hanno investito nella Chiesa e ne sono rimasti scottati. Ma rimane, non se va, offeso. E fa bene, perché il Signore risorto torna apposta per lui.

Category: Santi

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti + 20 =

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE