Ultimi articoli inseriti Il centurione
Ultimi articoli inseriti Croce gloriosa
Ultimi articoli inseriti Maestro
Ultimi articoli inseriti Una misura colma
Ultimi articoli inseriti Beati

Alzati e cammina

In quel tempo, salito su una barca, Gesù passò all’altra riva e giunse nella sua città. Ed ecco, gli portavano un paralitico disteso su un letto. Gesù, vedendo la loro fede, disse al paralitico: «Coraggio, figlio, ti sono perdonati i peccati». 
Allora alcuni scribi dissero fra sé: «Costui bestemmia». Ma Gesù, conoscendo i loro pensieri, disse: «Perché pensate cose malvagie nel vostro cuore? Che cosa infatti è più facile: dire “Ti sono perdonati i peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”? Ma, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati: Àlzati – disse allora al paralitico –, prendi il tuo letto e va’ a casa tua». Ed egli si alzò e andò a casa sua. 
Le folle, vedendo questo, furono prese da timore e resero gloria a Dio che aveva dato un tale potere agli uomini. Mt 9,1-8

Anche noi, come le folle, siamo spaventati dal fatto che il Signore abbia dato il potere del perdono agli uomini. Perdonare in vece di Dio, in nome di Dio. Gli astanti sono scandalizzati dalla libertà con cui Gesù agisce. Eppure egli, il misericordioso, sana il povero paralitico nel corpo e nell’anima, lo restituisce alla vita, fisica ed interiore. Dio ci perdona, ci dona la possibilità di ripartire, se lo vogliamo. Gli uomini, spesso, no. E Dio affida ai discepoli questo grande dono, dono del risorto agli apostoli, di sciogliere, di restituire vita, di ridare speranza. Non un potere di cui abusare, come ahimé storicamente è stato fatto, ma un dono straordinario da condividere, da offrire, per restituire a vita nuova chi si è lasciato ingoiare dalla tenebra. Triste il mondo, il nostro, che pensa di eliminare il peccato declassandolo a abitudine da migliorare. Triste il mondo, il nostro, che non educa più alla responsabilità, che offre sempre vie d’uscita e giustificazioni. Dio, invece, rende onore all’uomo, sa che è capace di sbagliare, ma anche di ripartire, di ricominciare. Per essere perdonati e sperimentare la gioia dell’amicizia ritrovata, bisogna anzitutto avere il coraggio di ammettere di essersi persi.

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE