Ultimi articoli inseriti Frutti buoni
Ultimi articoli inseriti Perle ai porci
Ultimi articoli inseriti Giovanni è il suo nome
Ultimi articoli inseriti A ogni giorno
Ultimi articoli inseriti Sguardi

Però

Non so se, come il cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere del Papa, mi sarei calato nel pozzo e avrei staccato i sigilli per dare la corrente alle 400 famiglie dello stabile occupato. Un po’ per la fifa di restarci secco e un po’ perché non saprei dove prendere i trecentomila euro per pagare le bollette.

Lui ha parlato di “azione disperata” davanti alla considerazione che famiglie con figli piccoli si sono trovate senza corrente (= senza acqua calda, senza frigorifero, al buio) e lo capisco benissimo.

Non conosco le ragioni che hanno spinto tutte quelle famiglie ad occupare un edificio e, certamente, nel mucchio ci saranno degli sfaccendati e dei delinquenti, ma la povertà non è una colpa e chi vive nel mondo reale sa quanto siano fragili di questi tempi le condizioni economiche.

E sì, se mi trovassi per strada con un figlio sarei disposto anche ad occupare uno stabile vuoto da decenni.

So però per quale ragione questa vicenda sia stata (nuovamente) usata come corpo contundente per contrapporre i cristiani alla linea politica dell’attuale governo che bastona chi si piega sulle miserie umane: per smuovere il fango e attirare facili consensi. 

Però, alla fine, mi sono anche rotto le scatole di essere ragionevole con chi sragiona e di usare toni pacati con chi urla, e di chiedere obiettività a chi cerca solo la rissa.

Il ministro degli Interni ha auspicato che il suddetto cardinale paghi gli arretrati. Come a insinuare che la Chiesa potrebbe destinare parte delle sue strepitose ricchezze per sollevare il destino di coloro di cui lo Stato sociale non si occupa. 

Non so se esistano tesori nascosti da qualche parte.

So che ho fatto il prete per vent’anni. Come vice-parroco in una parrocchia di periferia, anzitutto. E so io quante bollette, bombole del gas, pannolini, latte in polvere il parroco abbia contribuito a pagare, quasi sempre con i soldi delle collette e delle offerte, spesso attingendo al suo piccolo sostentamento. So io quante ore di volontariato nel quartiere sono state fatte da medici e infermieri per tenere aperto un ambulatorio gratuito. E so quanti pasti ogni giorno vengono dati dalle Caritas (6 milioni all’anno) e quanta silenziosa opera sociale i cristiani fanno nei quartieri. So che ho fatto il parroco il microscopiche comunità in alta montagna. E che a prendere a cuore le cappelle costruite dai nostri padri c’erano le persone reali e le loro piccole e grandi offerte, l’interesse per la tutela delle opere d’arte di Comuni e Sovrintendenza, la generosità dell’ 8×1000. 

Allora, gentilmente, prima di insultare coloro che da decenni fanno quello che lo Stato non riesce a fare, prima di radere al suolo la civiltà cristiana che guarda sempre con rispetto chi resta indietro e, se possibile, lo aiuta a raggiungere gli altri, prima di soffiare sul rancore piccino e basso delle persone, prima di fare biechi calcoli elettorali calpestando la dignità delle persone, pensiamoci tanto tanto a lungo.

Ecchecavolo.

Category: Pensieri

Tags:

6 comments

  1. Grazie per averlo detto, prendendo posizione seppur scomoda…
    Ma direi anche basta all’usare la parola “cristiano” solo quando fa comodo per il consenso elettorale, dimenticando ciò che il Vangelo ci chiede: sostegno al povero. Sempre.

  2. grazie Paolo, per aver avuto il coraggio di esprimere in parole il sentimento di tantissime persone, che cercano, poveramente, di vivere quel comandamento “…come io ho fatto a voi”.
    il Signore ti accompagni, ti sorregga e ti illumini sempre con il suo Spirito. Vale

  3. Non si deve mai parlare, nè contro i Cristiani nè contro nessuno se non si conoscono le situazioni, la dura vera realtà…
    Una cosa è certa, il Politico vero, quello con la P Maiuscola, si occupa soprattutto del benessere del Popolo e della propria Nazione, senza demandare ad altri…
    A te, Paolo, avrei da chiedere di non usare qualche licenza scurrile, lo so che il sito è casa tua e noi siamo ospiti, ma per un Innamorato di Cristo, come si comprende che tu sia, è sconveniente.
    Scusa, ma non ho potuto fare a meno di dirtelo 😊

  4. Grazie Paolo. Non dobbiamo più tacere! Basta infangare, per meschini calcoli elettorali,chi si prodiga ad alleviare le sofferenze altrui. Basta! Ribelliamoci tutti noi che siamo in tanti

  5. Personalmente sono troppo ignorante rispetto a queste grandi tematiche, non riuscirei forse a proporre il modo giusto per venirne a capo, perchè, ahimè, io sono una ” di pancia”. PERO’, pancia o non pancia, non posso ignorare, davvero non posso, quelle parole che dovrebbero riportare tutto in equilibrio, smettere di farci dire stupidate e pensare realmente a trovare dei modi per aiutare chiunque sia nel bisogno, che possano anche intaccare il nostro stile di vita, di noi che stiamo bene, intendo. E credo che talvolta, smettere di sussurrare le cose, ma dirle ad alta voce, anche con la rabbia che nasce dagli atteggiamenti ottusi di chi vorrebbe fare piazza pulita dei poveri, possa essere lecito, se non doveroso. Anche Gesù mi pare non fosse tanto tranquillo, scacciando i mercanti dal tempio, magari un’imprecazione in aramaico sarà scappata pure a lui! Ah! Quali sono queste parole? Eccole:
    “Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi”. Che poi, se non sbaglio, Gesù non dice che è come se l’avessimo fatto a lui, ma dice :” l’avete fatto a me”.
    Chi se la sente, allora, di rispedire Gesù al mittente? Di rimetterlo sul barcone? Di levargli la corrente? Di spostarlo dal nostro sguardo? Io no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 3 =

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE