Ultimi articoli inseriti Se il mondo vi odia
Ultimi articoli inseriti Che vi amiate
Ultimi articoli inseriti Nel mio amore
Ultimi articoli inseriti Rimanete in me
Ultimi articoli inseriti Colui che mi ama

Noli me tangere

In quel tempo, Maria stava all’esterno, vicino al sepolcro, e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l’uno dalla parte del capo e l’altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove l’hanno posto».
Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù, in piedi; ma non sapeva che fosse Gesù. Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Ella, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l’hai portato via tu, dimmi dove l’hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Ella si voltò e gli disse in ebraico: «Rabbunì!» – che significa: «Maestro!». Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va’ dai miei fratelli e di’ loro: “Salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro”». Maria di Màgdala andò ad annunciare ai discepoli: «Ho visto il Signore!» e ciò che le aveva detto. Gv 20,11-18

Maria è tutta concentrata nel suo dolore, non riesce a spalancare lo sguardo e a riconoscere il suo Maestro. Spesso il dolore ci impedisce di accorgerci che Dio è accanto a noi: così per Maria, così per i discepoli di Emmaus. Ma se riusciamo a voltarci da un’altra parte, a staccarci per un attimo dal fiume di emozioni che ci travolge e ci impedisce di essere liberi dalla morsa del dolore, allora possiamo riconoscere il Signore che ci chiama per nome. Gesù chiama per nome Maria, la conosce, sa tutto di lei. Di cosa deve avere paura, Maria? Aveva trovato in Gesù il senso del suo cammino, la pienezza della sua vita, il colore dei suoi giorni, e ora pensa di avere perso tutto. Non è solo morta una persona che amava, è morto il suo Dio. Abbiamo bisogni di fare esperienza diretta di Dio per poter credere alla resurrezione. E da qui in avanti il Signore si farà riconoscere solo attraverso dei segni, dei simboli: la voce per Maria, la ferita per Tommaso, la pesca per Pietro, il pane per i discepoli di Emmaus. Possiamo riconoscere il volto di Gesù risorto solo attraverso dei segni, i sacramenti della sua presenza. Restiamo desti, non lasciamoci travolgere dal dolore.

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE