Ultimi articoli inseriti Brigida la grande
Ultimi articoli inseriti La mirofora
Ultimi articoli inseriti Il compassionevole
Ultimi articoli inseriti Vietatissimo
Ultimi articoli inseriti Piume

Amerai

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». 
Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». 
Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocàusti e i sacrifici». 
Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo. Mc 12,28b-34

Il centro della nostra fede resta l’amore. Amore che muove la nostra vita, amore che riceviamo dal Dio di Gesù e che impariamo a donare. Gesù sintetizza tutto il suo messaggio riprendendo due comandamenti dell’antico testamento: amare Dio con tutte le forze, amare il prossimo come se stessi. Amare Dio con tutte le forze significa amarlo al meglio delle proprie possibilità, non amarlo di un amore teorico, impossibile, assoluto. A volte, avvicinandoci a Dio, siamo pieni di sensi di colpa per non saperlo amare. In realtà Dio non ci chiede un amore perfetto, assoluto, come è il suo, ma un amore proporzionato alle nostra capacità, un amore fatto di intelligenza e di passione. Rispetto al secondo precetto, poi, il Signore ci chiede di amare gli altri con l’amore che ci deriva da lui. Non è un amore di simpatia, ma un amore teologico, che proviene da Dio. Nelle relazioni siamo tutti spinti verso le persone che ci piacciono, con cui entriamo in sintonia. L’amore che proviene da Dio ci aiuta, addirittura, ad amare le persone moleste. Infine: l’annotazione “come te stesso” indica che il discepolo deve prima di amare accogliere i propri limiti, le proprie ombre, come Dio le accoglie e le salva.

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 + dieci =

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE