Ultimi articoli inseriti Frutti buoni
Ultimi articoli inseriti Perle ai porci
Ultimi articoli inseriti Giovanni è il suo nome
Ultimi articoli inseriti A ogni giorno
Ultimi articoli inseriti Sguardi

Aumenta la mia fede

In quel tempo, [Gesù, Pietro, Giacomo e Giovanni, scesero dal monte] e arrivando presso i discepoli, videro attorno a loro molta folla e alcuni scribi che discutevano con loro. 
E subito tutta la folla, al vederlo, fu presa da meraviglia e corse a salutarlo. Ed egli li interrogò: «Di che cosa discutete con loro?». E dalla folla uno gli rispose: «Maestro, ho portato da te mio figlio, che ha uno spirito muto. Dovunque lo afferri, lo getta a terra ed egli schiuma, digrigna i denti e si irrigidisce. Ho detto ai tuoi discepoli di scacciarlo, ma non ci sono riusciti». Egli allora disse loro: «O generazione incredula! Fino a quando sarò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo da me». E glielo portarono. 
Alla vista di Gesù, subito lo spirito scosse con convulsioni il ragazzo ed egli, caduto a terra, si rotolava schiumando. Gesù interrogò il padre: «Da quanto tempo gli accade questo?». Ed egli rispose: «Dall’infanzia; anzi, spesso lo ha buttato anche nel fuoco e nell’acqua per ucciderlo. Ma se tu puoi qualcosa, abbi pietà di noi e aiutaci». Gesù gli disse: «Se tu puoi! Tutto è possibile per chi crede». Il padre del fanciullo rispose subito ad alta voce: «Credo; aiuta la mia incredulità!». 
Allora Gesù, vedendo accorrere la folla, minacciò lo spirito impuro dicendogli: «Spirito muto e sordo, io ti ordino, esci da lui e non vi rientrare più». Gridando, e scuotendolo fortemente, uscì. E il fanciullo diventò come morto, sicché molti dicevano: «È morto». Ma Gesù lo prese per mano, lo fece alzare ed egli stette in piedi.
Entrato in casa, i suoi discepoli gli domandavano in privato: «Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli disse loro: «Questa specie di demòni non si può scacciare in alcun modo, se non con la preghiera». Mc 9,14-29

Intenerisce questo padre che chiede a Gesù un miracolo per il figlio ma che, prima, deve passare attraverso la goffa prova di miracolo degli apostoli. Intenerisce e stupisce, perché in lui prevale l’amore di un padre, non la fede. E non gli importa bene di chi sia Gesù, sa che può operare un miracolo. Non disdegna la fede dei semplici, il Signore, non ha la puzza sotto il naso. È urtato, invece, dalla stupidità dei suoi che pensano ormai di essere diventati capaci di miracoli, come se fosse una tecnica, come se ci fosse un trucco. Nessuna tecnica, nessun trucco: solo la potenza di Dio può guarire il ragazzo. Davanti alla forza di Gesù il padre abbassa lo sguardo. Fede? La sua è piccina e fragile, se è la fede l’unico modo per salvare il suo ragazzo, non guarirà. Preghiera immensa, invocazione che piega la volontà di Dio! Gesù è ammirato per tanta sincerità: sì, la fede di quel padre provato è sufficiente, perché autentica, perché sincera. Il padre è esaudito e gli apostoli duramente e giustamente rimproverati: guarire qualcuno non è un gioco, ma una croce che Gesù sceglie di portare nella preghiera e nel digiuno. E loro sono disposti a farlo? (E noi?)

Category: Parole

Tags:

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 4 =

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE