Ultimi articoli inseriti Guai a voi
Ultimi articoli inseriti La spada
Ultimi articoli inseriti Leggendo
Ultimi articoli inseriti Come passeri
Ultimi articoli inseriti Come pecore

Guariti per servire

In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva.
Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.
Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui, si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!». 
E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni. Mc 1,29-39

Nuovamente un confine, nuovamente un incontro. Gesù è uscito dalla sinagoga di Cafarnao dove ha guarito un indemoniato, perché la prima guarigione che dobbiamo sperimentare per diventare discepoli è quella da una visione demoniaca e conflittuale di Dio. Non è la sinagoga, però, il luogo della predicazione di Gesù ma la casa di Simone. Una casa abitata dalla suocera, anch’essa guarita, che si mette a servire. Siamo guariti per servire, per essere a disposizione del Regno. Ma è sulla soglia che si svolge l’incontro fra Dio e l’umanità sofferente: un luogo di passaggio che immette sul cortile. È lì che dovrebbe stare la comunità cristiana. Chiamati sui confini, come Pietro e Giovanni, seguiamo il Maestro nel cortile dove avvengono guarigioni e dove il Vangelo raggiunge tutti. La sorgente della forza che anima Gesù è la preghiera notturna, il colloquio interiore e spirituale con Dio. Pietro cerca Gesù, quasi lo rimprovera per essersi assentato. Gesù tira diritto e vuole andare in un altro luogo: la sua presenza non è esclusiva di qualcuno. Così iniziamo la giornata: incontrando sulla soglia le tante persone che ancora non si lasciano amare e guarire dal Signore.

Category: Parole

Tags:

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci + 12 =

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE