Ultimi articoli inseriti Il più grande
Ultimi articoli inseriti Che cosa ve ne pare?
Ultimi articoli inseriti Alzati e cammina
Ultimi articoli inseriti Presepi rissosi
Ultimi articoli inseriti Maria Immacolata

Dieci sanati, uno salvato

Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea. 
Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati. 
Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano. 
Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!». Lc 17,11-19

Chiedono misericordia i lebbrosi, non la guarigione. Perché, spesso, la compassione vale più della guarigione, specialmente per persone che, come loro, erano considerate peccatori meritevoli della più terribile fra le punizione divina, diventare dei morti che camminano. Chiedono misericordia insieme, anche se sono di nazionalità diverse: la malattia accomuna uomini che, altrimenti, si odierebbero. E Gesù ne ha compassione, li ascolta, li esaudisce, li guarisce. Ma un po’ alla volta: Devono andare a presentarsi dai sacerdoti, ufficiali sanitari dell’epoca. Per strada avviene la guarigione, anche la nostra. Per strada siamo guariti, siamo purificati dalla lebbra del peccato e da ogni altra lebbra. Ma solo uno torna indietro, il samaritano. Non ha un tempio dove andare per essere accolto, il suo, sul monte Garizim, è stato distrutto dagli ebrei da più di un secolo. Non ha sacerdoti che possano testimoniarne l’avvenuta guarigione. Torna dal Tempio, il Signore Gesù. Gioisce per quanto è accaduto, ora è guarito. E Gesù commenta, amareggiato: dieci sono stati sanati, uno solo è stato salvato. È più facile guarire dalla lebbra che dall’ingratitudine!

Category: Parole

Tags:

5 comments

  1. Veramente, legge si legge il testo, vediamo che Gesù stesso aveva detto ai lebbrosi di andare al tempio. Dopotutto loro gli avevano obbedito, non è detto che non fossero molto grati

    1. A volte Gesù prova la Fede:
      Quando Gesù gli ha detto di andare al tempio dai sacerdoti i lebbrosi non erano ancora guariti…
      L’obbedienza li ha guariti, ma il tutto è partito da Gesù, non dal tempio e non dai sacerdoti.
      È un pò come dopo aver ricevuto una grazia ci si reca in chiesa e si va a raccontare l ‘accaduto al sacerdote, ma una volta in chiesa oltre a non dire neppure una parola di ringraziamento al Signore, non si rivolge neppure uno sguardo all’altare dove è riposto il Santissimo Sacramento.
      Cosa è più importante l’altare o l’oro del tempio?
      Cosa è più importante Gesù stesso oppure il sacerdote (senza voler sminuire la sua persona e il suo importante ministero) e il tempio con tutto quanto vi è contenuto?

  2. Osservazione giustissima, volevo solo dire che, tutto sommato, i nove lebbrosi non vanno giudicati troppo male.
    Pensavo a come, forse, mi sarei comportata io nella stessa situazione!!!!

    1. Dove sono gli altri nove?
      La salvezza è donata solo ad uno! Gli altri, sicuramente, si sono recati al tempio e presentati ai sacerdoti, ma non hanno creduto in Colui che li ha mandati. La frequentazione assidua della chiesa, dell’oratorio , dei sacerdoti e quant’altro, senza la fede, senza il ringraziamento al Signore e senza la carità dovuta al prossimo, non producono effetto alcuno ai fini della salvezza.
      Il primo Comandamento è:
      Ascolta Israele, Il Signore nostro Dio è l’unico Signore, amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta l’anima con tutta la tua mente e con tutte la tua forza .
      Il secondo è amerai il prossimo tuo come te stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE