Ultimi articoli inseriti Non è un film
Ultimi articoli inseriti Bisognava far festa
Ultimi articoli inseriti Vignaioli omicidi
Ultimi articoli inseriti Lazzaro il povero
Ultimi articoli inseriti Troni

Talenti

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: 
«Avverrà come a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, secondo le capacità di ciascuno; poi partì. 
Subito colui che aveva ricevuto cinque talenti andò a impiegarli, e ne guadagnò altri cinque. Così anche quello che ne aveva ricevuti due, ne guadagnò altri due. Colui invece che aveva ricevuto un solo talento, andò a fare una buca nel terreno e vi nascose il denaro del suo padrone. 
Dopo molto tempo il padrone di quei servi tornò e volle regolare i conti con loro. 
Si presentò colui che aveva ricevuto cinque talenti e ne portò altri cinque, dicendo: “Signore, mi hai consegnato cinque talenti; ecco, ne ho guadagnati altri cinque”. “Bene, servo buono e fedele – gli disse il suo padrone –, sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone”. 
Si presentò poi colui che aveva ricevuto due talenti e disse: “Signore, mi hai consegnato due talenti; ecco, ne ho guadagnati altri due”. “Bene, servo buono e fedele – gli disse il suo padrone –, sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone”. 
Si presentò infine anche colui che aveva ricevuto un solo talento e disse: “Signore, so che sei un uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso. Ho avuto paura e sono andato a nascondere il tuo talento sotto terra: ecco ciò che è tuo”. 
Il padrone gli rispose: “Servo malvagio e pigro, tu sapevi che mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso; avresti dovuto affidare il mio denaro ai banchieri e così, ritornando, avrei ritirato il mio con l’interesse. Toglietegli dunque il talento, e datelo a chi ha i dieci talenti. Perché a chiunque ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza; ma a chi non ha, verrà tolto anche quello che ha. E il servo inutile gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”». Mt 25,14-30

Siamo dei servi in attesa del ritorno del padrone, siamo le amiche della sposa che aspettano lo sposo. Oggi Gesù aggiunge: siamo degli amministratori cui il padrone affida il proprio patrimonio da far fruttificare, in proporzione alle nostre capacità. Abbiamo in tasca dei talenti da far fruttare, da mettere a disposizione degli altri. Ognuno di noi ha delle capacità e non è necessario che siano delle doti straordinarie. Qualcuno è bravissimo ad ascoltare, o a incoraggiare, qualcun altro è capace di fare catechesi, di spezzare la Parola, qualcuno è bravo a fare la torta di mele… La Chiesa è una comunione di doni: quello che io non ho lo trovo in un altro. Non c’è bisogno di entrare in conflitto, o di rodersi dall’invidia! Qual è il tuo dono, amico lettore? Alcuni pensano di non averne, e sbagliano! Il servo che sotterra il talento è duramente punito, per non avere gioito del dono ricevuto, per essersi rinchiuso su se stesso, per avere una scarsa considerazione di sé e di Dio, visto che lo considera un uomo duro. Dio è con noi come noi pensiamo che sia, a volte: se trattiamo Dio come una persona severa, ne vivremo di conseguenza.

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE