Ultimi articoli inseriti Che cosa ve ne pare?
Ultimi articoli inseriti Alzati e cammina
Ultimi articoli inseriti Presepi rissosi
Ultimi articoli inseriti Maria Immacolata
Ultimi articoli inseriti Abbi pietà

Come pecore in mezzo ai lupi

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli:
«Ecco: io vi mando come pecore in mezzo a lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. 
Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.
Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato. 
Quando sarete perseguitati in una città, fuggite in un’altra; in verità io vi dico: non avrete finito di percorrere le città d’Israele, prima che venga il Figlio dell’uomo». Mt 10,16-23

Il mondo intorno a noi non gradisce il Vangelo, non scherziamo. Quello annacquato e inutile, innocuo e quasi invisibile, politicamente corretto e raccontato dai giornaloni atei, sì. Ma quello vero che spinge alla fermezza (misericordiosa), alla verità e all’amore no, per carità. Perciò Gesù ci raccomanda di essere prudenti e semplici. Di non farci sbranare andando ad infilarci nella tana del lupo, cioè, ma anche di non assumere una atteggiamento furbesco e tattico, troppo mondano per essere accettato nella logica del Vangelo. E di fare tutto questo come pecore, nella mitezza più assoluta. Molti fra noi, invece, pensano di fare i lupacchiotti fino a quando i lupi non si convertiranno. Quanto fanno soffrire la Chiesa i cristiani che, in nome della trasparenza e della moralizzazione, affidano le proprie critiche ai media facendosi travolgere dalla logica del mondo! No, amici, prendiamo sul serio la Parola del Signore, anche se viverla costa qualche fatica e, a volte, la persecuzione. Allora, Dio non voglia, fuggiamo: nessuno è chiamato ad immolarsi ma a difendere il prezioso dono della vita.

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE