Ultimi articoli inseriti Donare la vita
Ultimi articoli inseriti Voi chi dite che io sia?
Ultimi articoli inseriti Come alberi che camminano
Ultimi articoli inseriti Incomprensioni
Ultimi articoli inseriti Sospiro

Porci e uomini

In quel tempo, giunto Gesù all’altra riva, nel paese dei Gadarèni, due indemoniati, uscendo dai sepolcri, gli andarono incontro; erano tanto furiosi che nessuno poteva passare per quella strada. Ed ecco, si misero a gridare: «Che vuoi da noi, Figlio di Dio? Sei venuto qui a tormentarci prima del tempo?».
A qualche distanza da loro c’era una numerosa mandria di porci al pascolo; e i demòni lo scongiuravano dicendo: «Se ci scacci, mandaci nella mandria dei porci». Egli disse loro: «Andate!». Ed essi uscirono, ed entrarono nei porci: ed ecco, tutta la mandria si precipitò giù dalla rupe nel mare e morirono nelle acque. 
I mandriani allora fuggirono e, entrati in città, raccontarono ogni cosa e anche il fatto degli indemoniati. Tutta la città allora uscì incontro a Gesù: quando lo videro, lo pregarono di allontanarsi dal loro territorio. Mt 8,28-34

È Marco a parlarci per primo di questa impressionante guarigione. Matteo sintetizza il racconto riprendendone le fasi salienti: gli indemoniati vivono in mezzo alle tombe perché la parte oscura, il male, ci conduce inevitabilmente alla morte interiore. E si scagliano contro il Cristo che li tormenta perché il Signore è portatore di luce nella tenebra. Infine, particolare condiviso col primo evangelista, dopo averli liberati e dopo avere assistito al suicidio collettivo dei maiali, la gente del paese invita cortesemente Gesù ad andarsene: spaventati da tanto potere (loro avevano risolto il problema legando l’indemoniato, in Marco!) e visibilmente irritati per la clamorosa perdita economica. Matteo aggiunge un dettaglio, forse più teologico che storico: gli indemoniati sono in due. Perché il male contagia, avvelena, è solidale. Crea sottili legami di complicità che accecano e condizionano. Spesso, nella storia, il male si è compiuto in compagnia, in gruppo, per rafforzare la propria convinzione, per diminuire la propria responsabilità. Perciò dobbiamo recuperare la coscienza del singolo e lasciarla illuminare dal vangelo.

Category: Parole

Tags:

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui