Ultimi articoli inseriti The king
Ultimi articoli inseriti Sostieni la mia incredulità
Ultimi articoli inseriti Che ti importa?
Ultimi articoli inseriti Mi ami?
Ultimi articoli inseriti Perfetti nell’unità

La porta del sorriso

L’idea è di don Alessandro.

Stasera nella sua parrocchia terrò una conferenza su Maria Maddalena, in continuità con l’intervento di Lidia Maggi su maschile e il femminile nella Bibbia.

Prendiamo il bus verso il centro e procediamo a piedi, verso la zona degli studenti. Bologna, fra le altre cose, detiene il primato di avere una delle più antiche università del mondo. Ecco la chiesa dedicata a santa Maria Maddalena, un graziosa struttura settecentesca vicino a piazza Verdi. Ma la ragione per cui don Ale mi ha portato qui non è solo per chiedere aiuto all’apostola degli apostoli di cui parlerò stasera.

Vuole mostrarmi una porta.

La posta di ingresso principale, in vetro, che accede alla navata centrale.

La porta del sorriso.

Per entrare devi fermarti e sorridere. Solo allora una microcamera apre automaticamente la porta. Se tieni il muso l’unica alternativa è accedere dalla porta laterale, in legno.

Non credo ai miei occhi. Provo diverse volte. Funziona.

L’accoglientissimo parroco don Pierluigi spiega ai due turisti che siamo che è un progetto presentato nel 2012 ad Artefiera, opera degli artisti Antonello e Ghezzi in collaborazione con la Facoltà di ingegneria. Un software misura la distanza fra gli angoli della bocca e gli occhi per mappare un sorriso. Nonostante in tanti apprezzamenti (la porta ha girato le fiere artistiche di mezzo mondo), nessuno l’ha voluta. Ecco allora la proposta: metterla come porta di ingresso della chiesa.

Un progetto ardito, che ha fatto penare la Sovrintendenza ma che, grazie al cielo si è realizzato. Non solo una curiosissima installazione artistica. Un’autentica epifania.

Per entrare devi necessariamente sorridere. Devi fermarti e metterti nell’atteggiamento corretto. Per incontrare il mistero di Dio devi metterti nella sua prospettiva, guardare le cose dal suo punto di vista.

Sorridente.

Troppe facce da funerale avvelenano la nostra Chiesa.

Da rendere obbligatoria in ogni parrocchia.

🙂

 

Category: Diario personale

Tags:

5 comments

  1. Bellissima idea! Se tutti imparassimo ad essere più sorridenti e meno musoni! Un sorriso allarga il cuore e aiuta a vivere meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE