Ultimi articoli inseriti Non pace ma spada
Ultimi articoli inseriti Sotto l’ombrellone
Ultimi articoli inseriti Capelli e passeri
Ultimi articoli inseriti Come pecore in mezzo ai lupi
Ultimi articoli inseriti Andate!

Risorto!

Passato il sabato, Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo e Salòme comprarono oli aromatici per andare a ungerlo. Di buon mattino, il primo giorno della settimana, vennero al sepolcro al levare del sole. 

Dicevano tra loro: «Chi ci farà rotolare via la pietra dall’ingresso del sepolcro?». Alzando lo sguardo, osservarono che la pietra era già stata fatta rotolare, benché fosse molto grande. 

Entrate nel sepolcro, videro un giovane, seduto sulla destra, vestito d’una veste bianca, ed ebbero paura. Ma egli disse loro: «Non abbiate paura! Voi cercate Gesù Nazareno, il crocifisso. È risorto, non è qui. Ecco il luogo dove l’avevano posto. Ma andate, dite ai suoi discepoli e a Pietro: “Egli vi precede in Galilea. Là lo vedrete, come vi ha detto”». Mc 16

Marco conclude in maniera curiosa il suo vangelo: con le donne intimorite che tornano in città senza dire nulla. Hanno le loro ragioni, ovviamente: chi crederebbe alla testimonianza di una donna? Infatti così accade: i discepoli di Emmaus raccontano al pellegrino che li ha raggiunti di una testimonianza di alcune donne, delle loro cui, da bravi maschilisti, non hanno creduto. Il vangelo di Marco si chiude con questa nota di timore e silenzio. Ma questo silenzio si è evidentemente interrotto visto tutto quello che è accaduto in seguito. Ecco, allora, che qualcuno sente l’esigenza di aggiungere un finale nel primo vangelo, riassuntivo delle diverse apparizioni del risorto raccontate dagli altri evangelisti. Mi ha sempre stupito il fatto che Marco non concludesse il vangelo. Forse perché la resurrezione è evento di fede: se è evidente e sperimentabile la crocefissione, nessuno ha assistito alla resurrezione e nessuno, mai, potrà dimostrarla. È evento storico, certo, ma richiede adesione interiore: la fede inizia là dove l’esperienza si ferma. Ancora oggi la resurrezione di Cristo è legata al nostro cammino interiore, ci “costringe” a schierarci e a interrogarci.

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE