Ultimi articoli inseriti Veglia Pasquale
Ultimi articoli inseriti Fuga
Ultimi articoli inseriti Follia divina
Ultimi articoli inseriti Io sono il pane di vita
Ultimi articoli inseriti Dacci questo pane

L’unzione di Betania

Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Làzzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. E qui fecero per lui una cena: Marta serviva e Làzzaro era uno dei commensali. 
Maria allora prese trecento grammi di profumo di puro nardo, assai prezioso, ne cosparse i piedi di Gesù, poi li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì dell’aroma di quel profumo. 
Allora Giuda Iscariòta, uno dei suoi discepoli, che stava per tradirlo, disse: «Perché non si è venduto questo profumo per trecento denari e non si sono dati ai poveri?». Disse questo non perché gli importasse dei poveri, ma perché era un ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. 
Gesù allora disse: «Lasciala fare, perché ella lo conservi per il giorno della mia sepoltura. I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me».
Intanto una grande folla di Giudei venne a sapere che egli si trovava là e accorse, non solo per Gesù, ma anche per vedere Làzzaro che egli aveva risuscitato dai morti. I capi dei sacerdoti allora decisero di uccidere anche Làzzaro, perché molti Giudei se ne andavano a causa di lui e credevano in Gesù. 

Gv 12,1-11

È un gesto umanissimo e semplice, quello che fa Maria di Betania. Un gesto colmo d’amore come solo una donna sa fare. Un’attenzione tutta femminile che Giovanni pone al lunedì dell’ultima settimana di vita di Gesù, in quel mese di aprile dell’anno 30. Probabilmente gli evangelisti confondono due episodi che hanno come protagoniste due donne, una peccatrice e la sorella di Lazzaro. In questo contesto l’amica di Gesù compie un gesto fortemente simbolico, l’essenza di puro nardo dallo strabiliante valore di 300 denari, 300 giornate di lavoro!, contrasta la risibile somma di 30 pezzi d’argento dati dal sinedrio per conoscere il luogo in cui Gesù si radunava con i discepoli al Getsemani. Secondo gli storici il valore delle due monete coincide: Maria sta dicendo a Gesù che il gesto che sta per compiere consegnandosi vale 10 volte tanto il tradimento dell’apostolo. Gesù è confortato da quel gesto, apprezza quell’amore viscerale e puro della discepola come apprezza il nostro amore. In questa settimana facciamo sentire più forte al Signore il nostro affetto, il nostro amore. Che sappia anche da noi che il suo sacrificio non è stato inutile…

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE