Ultimi articoli inseriti Cosa fate di straordinario?
Ultimi articoli inseriti Occhio per occhio
Ultimi articoli inseriti Parola di Papa
Ultimi articoli inseriti Giuramenti
Ultimi articoli inseriti Nel proprio cuore

Amerai

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». 
Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». 
Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocàusti e i sacrifici». 
Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo. Mc 12,28b-34

Gli scribi, all’epoca di Gesù, erano gli unici capaci ad interpretare correttamente la Parola di Dio. La loro autorevolezza era riconosciuta da tutti, in particolare dal popolo che non aveva la possibilità di leggere e studiare. Così la domanda posta da uno di essi al Signore non sembra una richiesta di chiarimenti, quanto, piuttosto, uno sfoggio di cultura o, peggio, un’indagine conoscitiva per cogliere in fallo il falegname che si arrogava il diritto di insegnare senza avere frequentato una scuola adeguata. Ma capita male, al solito: proprio riguardo al tema dell’amore verso Dio e verso il prossimo il Signore sa bene di cosa parla! E la risposta che fornisce è consona e condivisa da molti rabbini del suo tempo: al centro della selva dei precetti imposti sulle spalle dei pii israeliti resta l’esperienza amorevole di Dio e del prossimo. Non ho dubbi nel credere che nessuno avesse più voglia di porre domande! Gesù parla di Dio in maniera diretta, racconta ciò che sperimenta, sa bene di cosa parla. La sua riflessione non è uno sfoggio di cultura ma la quotidiana esperienza della sua anima…

Category: Parole

Tags:

One comment

  1. Mi chiamo Francesco Ruggeri diacono permanente, sono un tuo lettore sia Web che cartaceo, apprezzo molto le tue riflessioni e i tuoi libri dai quali spesso mi ispiro per le mie omelie. Però ho notato una cosa, che non parli mai del diaconato, anche quando parli del servizio nella Chiesa…. scusa l’appunto e grazi per tutto quello che fai.
    f.ruggeri55@gmail .it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE