Ultimi articoli inseriti Il segno di Giona
Ultimi articoli inseriti Santi e peccatori
Ultimi articoli inseriti L’uomo forte
Ultimi articoli inseriti Chi di voi?
Ultimi articoli inseriti Padre

Lo voglio, sii guarito!

In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito, la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. 
E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro». 
Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte. 

Mc 1,40-45

Prova compassione verso il lebbroso, il Signore. Non disprezzo, come capitava abitualmente, pensando che la malattia fosse la punizione divina per chissà quali terribili peccati! E Gesù trasgredisce la legge degli uomini, toccando l’impuro; ma non è questi a contagiare Gesù con la propria impurità, ma Gesù che lo contagia con la propria salvezza. Gesù si sporca le mani, si compromette, si mette in gioco, da del suo. Non ha paura del giudizio degli altri, egli vede il dolore e la solitudine di un malato reso tale dalla propria condizione fisica e dalla distorta visione della realtà da parte dei suoi concittadini. Gesù ne ha compassione, perché conosce il demone impuro dell’uomo che lo trascina nelle bassezze del giudizio e nel fango della meschinità. E lo salva. Ci salva. Il lebbroso è restituito alla sua dignità e Gesù lo richiama alla legge di Dio: è invitato ad andare dal sacerdote che ne certifichi la guarigione per riammetterlo nella comunità. Deve tacere, il lebbroso, Gesù non vuole il merito di una guarigione che, lui per primo, attribuisce al Padre. Deve tacere, il lebbroso, Gesù non vuole essere scambiato per un maghetto che fa miracoli, per un guru che risolve i problemi. Fossimo capaci di ascoltarlo e smettere di cercare Dio perché ci risolva i problemi!

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE