Ultimi articoli inseriti Come bambini
Ultimi articoli inseriti Non conviene sposarsi
Ultimi articoli inseriti Settanta volte sette
Ultimi articoli inseriti Assunta in cielo
Ultimi articoli inseriti Diventare bambini

Gioco di libertà

I due discepoli di Giovanni che seguono Gesù su indicazione del loro maestro e la reazione inattesa del Signore ci aiutano a focalizzare alcune delle dinamiche essenziali per un rapporto di discepolato fecondo e costruttivo.

La scoperta della fede è, nella maggior parte delle situazioni figlia di una ricerca iniziata grazie alla proposta di qualcuno che ci ha parlato in maniera convincente ed affascinante di Dio e del Vangelo. Un prete, un amico, una catechista… in un certo momento della vita qualcuno ci ha convinto con la sua parola, con la sua vita e con una verità/felicità che abbiamo scoperto sgorgare in lui dalla sequela.

All’inizio del percorso il rischio di legarsi a chi annuncia e di mettere in secondo piano ciò che viene annunciato è piuttosto frequente. Siamo tutti attratti dalle persone significative e autorevoli. Il Vangelo di oggi ci presenta un criterio di discernimento: se è inevitabile arrivare alla fede su indicazione di qualcuno, è importante che tale persona sia più legato a Cristo che alla propria immagine.

Il Battista manda due discepoli, li invia, sa di avere finito il suo ruolo e il suo tempo. Non li lega a sé per sempre, non crea una dipendenza, non li manipola. E’ libero e lascia liberi.

E’ inevitabile legarsi ad un parroco, ad un capo carismatico, ad un superiore e viviamo come un trauma il suo allontanamento. Ma una dinamica spirituale sana ci aiuta a capire che il Signore indica le persone giuste nel momento giusto. Ma che ogni persona è strumento o, per dirla con termini cristiani, dono.

Come ci ricorda Gesù, siamo chiamati a sperimentare che uno solo è Maestro e noi siamo tutti fratelli. 

E chi ha l’onere e il dono di indicare Cristo è chiesto di fare esperienza di ciò che consigliava san Paolo ai suoi discepoli: “Fatevi miei imitatori come io lo sono di Cristo”. O, come preferisco tradurre: “Fatemi miei imitatori nelle cose in cui io imito Cristo”.

Capi carismatici, guru, padri spirituali, guide, sono sempre e solo funzionali e temporanei, solo strumento per indicare il Cristo che passa e invitarci ad andare a vedere.

Category: Pensieri

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE