Ultimi articoli inseriti Davanti ai tribunali
Ultimi articoli inseriti Nulla di segreto
Ultimi articoli inseriti Barricate
Ultimi articoli inseriti San Luca
Ultimi articoli inseriti Pattume

Guide cieche

In quel tempo, alcuni farisei e alcuni scribi, venuti da Gerusalemme, si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Perché i tuoi discepoli trasgrediscono la tradizione degli antichi? Infatti quando prendono cibo non si lavano le mani!». 
Riunita la folla, Gesù disse loro: «Ascoltate e comprendete bene! Non ciò che entra nella bocca rende impuro l’uomo; ciò che esce dalla bocca, questo rende impuro l’uomo!».
Allora i discepoli si avvicinarono per dirgli: «Sai che i farisei, a sentire questa parola, si sono scandalizzati?». 
Ed egli rispose: «Ogni pianta, che non è stata piantata dal Padre mio celeste, verrà sradicata. Lasciateli stare! Sono ciechi e guide di ciechi. E quando un cieco guida un altro cieco, tutti e due cadranno in un fosso!».

La tradizione è una buona cosa. In teoria. Se resta, cioè, ciò che il vocabolo indica: il consegnare, il donare, l’affidare. Così io vi posso parlare di Cristo perché altri, prima di me, me ne hanno parlato. e così da duemila anni accade, da bocca a orecchio, e le parole di Gesù attraverso gli apostoli sono giunte fino a noi. Molti, però, confondono l’essenziale con il superfluo, la tradizione col tradizionalismo. Gesù è libero, libero anche dalla pia devozione dei farisei. Va dritto all’essenziale, ritorna al cuore della legge di Dio, legge di amore e di libertà, di bene e di realizzazione, non insopportabile gabbia che limita e uccide. No, non fanno le abluzioni gli apostoli che vengono lavati ogni giorno e purificati dalle parole del Maestro. No, non adempiono le prescrizioni rituali prima del pasto coloro che pasteggiano con Colui a cui è rivolto il culto. Gesù ci richiama all’essenziale, a distinguere ciò che è tesoro prezioso del deposito della fede da ciò che è superfluo, accessorio, storico, abitudine. Noi discepoli dobbiamo continuamente stare all’erta, vegliare affinché non lasciamo che la Parola sia inquinata dalle parole, per non diventare anche noi guide cieche che conducono altri ciechi. Uno solo è il nostro Maestro e Signore, uno solo è colui che ci guida in questa giornata: il Signore Gesù, nostro Maestro. E noi siamo tutti fratelli.

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE