Ultimi articoli inseriti Talenti
Ultimi articoli inseriti Zaccheo
Ultimi articoli inseriti Abbi pietà di me
Ultimi articoli inseriti In treno
Ultimi articoli inseriti La vedova e il giudice

Dopo la passeggiata

(Rientrato da due ore nel bosco)

E’ successo anche a me.

Mi è successo di gridare verso Dio il mio dolore, la mia disperazione, e di non ricevere alcuna risposta.

In quei momenti capisci fino in fondo il significato della parola “solitudine”, e non pensavi che il tuo corpo riuscisse a reggere tanto dolore.

Dolore puro, dolore distillato, dolore assordante.

E Dio non c’è.

 

Con gli anni ho scoperto alcune cose semplici, di Dio e di me.

Ho scoperto che ognuno di noi porta nel proprio inconscio un’idea di Dio.

Un’idea naturale, spontanea, legata alla struttura della personalità.

Molte persone che si dicono atee rifiutano, in realtà, quest’orribile immagine di Dio che si portano nel cuore e che – ahimé – noi cristiani talvolta confermiamo con le nostre azioni.

Quest’idea innata di Dio è, all’apparenza, ragionevole e credibile: un Dio creatore, sapiente, intelligente, perfetto, custode dei segreti della vita e dell’universo, assiste dall’alto della sua perfezione (un sommo egoista bastante a se stesso?) alle vicende umane.

Molte persone credono (o non credono) in un Dio garante e custode dell’ordine costituito, che fa le cose per benino, che premia i buoni e punisce i cattivi, che è all’origine di ogni buona norma e buona educazione: una specie di superpapà ragionevole e candido, che mi guarda accigliato se sbaglio e sorridente se faccio bene.

 

Ma, alla resa dei conti, questo Dio è lontano, irraggiungibile, incomprensibile.

Vorrei essere migliore, ma non ci riesco.

Vorrei essere buono, ma una parte oscura di me finisce sempre col prevalere.

Vorrei essere tutelato dalle difficoltà, ma questo padre sembra disinteressarsi di me.

Oh, certo, forse lo fa per educarmi, forse ci sono cose che non capisco, forse mi rafforzerò dopo la prova.

Ma che padre è un padre che accetta così tanto dolore da parte di un figlio?

La sensazione finale, Marta, è che di un Dio così, io non so proprio cosa farmene.

 

Tasto dolente, poi, quello della fragile testimonianza di noi discepoli.

Noi chiamati, noi che abbiamo scoperto il volto di Dio, noi segnati dal sigillo dell’Agnello, noi uomini e donne nuovi, noi appartenenti a Cristo, come lascia sottintendere la definizione di “cristiano”, che, invece di essere trasparenza di Dio, rischiamo di essere un pesante tendone scuro davanti al suo vero volto.

Noi che dovremmo accogliere chi cerca Dio, viviamo stancamente la nostra appartenenza alla comunità.

Noi che dovremmo testimoniare la novità di vita del Vangelo nel concreto, finiamo col commettere gli stessi errori dei non credenti, e di affrontare con mentalità mondana l’interpretazione della storia.

Noi che dovremmo testimoniare la gioia del Risorto, diamo un’immagine tristissima del cristianesimo.

Esagero, e di questo chiedo scusa a chi prende molto sul serio il Vangelo.

Ma so che questa è esattamente la sensazione che la stragrande maggioranza delle persone che abitano in questo momento in Italia, vivono sulla propria pelle… 

Dio non è così.

Il Dio di Gesù non è così.

Gesù è venuto apposta per correggere quest’orribile idea di Dio.

L’ha smontata pezzo per pezzo, l’ha negata, contraddetta, riportandola alla sua verità originale.

Io non credo in Dio io credo nel bellissimo Dio che Gesù è venuto a raccontare.

E per farlo ho dovuto convertire il mio cuore, e ancora lo sto convertendo, ho dovuto abbandonare le mie paure, le mie approssimative e parziali visioni di Dio, per lasciarmi stupire dalla novità del Vangelo.

Per conoscere il vero Dio, bisogna prima demolire gli idoli, le false rappresentazioni di Dio.

Per demolirle bisogna riconoscerle e ammetterle, chiamarle per nome e cognome.

Per chiamarle bisogna essere molto onesti con se stessi, e avere molta umiltà.

Non è cosa da poco.

 

Category: Diario personale

Tags:

2 comments

  1. Vorrei essere tutelato dalle difficoltà, ma questo Padre sembra disinteressarsi
    Il Padre non si disinteressa mai dei suoi figli, purtroppo la vita, questa vita, va come deve andare, e Dio è sempre lì a tendere una mano, mano che molto spesso non riconosciamo o lasciamo andare perché non ci interessa o perché non crediamo possa realmente dare un aiuto.
    Fidarsi, affidarsi, abbandonarsi completamente non è cosa da poco; abbandonare i propri schemi per entrare nell’ottica di un padre, del Padre, non è facile.
    La via più facile, però, non sempre è la migliore, a volte le difficoltà ci aiutano a raggiungere altre verità. I discepoli del passato hanno subito difficoltà, persecuzioni e martirio, ma non hanno desistito, non hanno indietreggiato, e hanno fatto bene, perché grazie a loro noi che crediamo, noi che abbiamo abbracciato il Vangelo è abbiamo fatto della Parola la nostra esistenza, grazie a loro siamo qui, e saremo, se Dio vorrà, alla Sua Mirabile Presenza.
    Non è facile, ma un Padre, specialmente un Padre Buono, vuole sempre il meglio per i propri figli.
    Se voi che non siete buoni sapete dare cose buone ai vostri figli…tanto più il Padre Buono che è nei cieli darà tutto ciò che è buono ai Suoi figli.
    La posta è alta, ma la Gloria sarà ancora più grande.

  2. E non illudiamoci, tutto ciò che lla vita presente ci offre di buono, alla fine non sempre risulterà buono e non sempre ci rendera’ felici. Tutto finisce e tutto passa e il risultato finale, la nostra vera vita dipenderà da come abbiamo speso l’esistenza terrena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina.
Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui

CHIUDI
CLOSE