Ultimi articoli inseriti Non avete letto!
Ultimi articoli inseriti Peso leggero
Ultimi articoli inseriti Evviva!
Ultimi articoli inseriti Il capo di cenere
Ultimi articoli inseriti Non pace ma spada

San Marco

In quel tempo, [Gesù apparve agli Undici] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio. 
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano. Mc 16,15-20

In questo tempo pasquale celebriamo la festa di uno degli evangelisti, Marco, che ha “inventato” il genere letterario del vangelo. Ispirato dallo Spirito Santo, ha permesso a noi di conoscere l’annuncio dopo duemila anni!

Il vangelo di Marco ha avuto una storia piuttosto intricata. Pensate che non è stato considerato per più di cinque secoli! La ragione è molto semplice: con le approssimative conoscenze dei primi secoli si pensava erroneamente che Marco fosse un riassunto mal fatto di Matteo che, in effetti, ancora oggi, nei nostri vangeli è messo per primo. Così, per lunghissimi secoli, fino all’Ottocento, Marco non ha avuto l’onore che gli spetta. Nuovi criteri esegetici hanno permesso di stabilire ciò che ora è certo: Marco è stato il primo a scrivere un vangelo, probabilmente prima dell’anno ’70, destinandolo ad una comunità di pagani convertiti, forse a Roma. La tradizione ci dice che l’autore è quel giovane Giovanni Marco, adolescente, che a Gerusalemme viene coinvolto nella straordinaria avventura del Nazareno. Forse proprio nel podere dei suoi genitori al Getsemani Gesù vive le sue ultime drammatiche ore di vita, certamente casa sua a Gerusalemme diventerà un punto di riferimento per la comunità primitiva. La tradizione ci dice che dietro Marco c’è l’apostolo Pietro, fonte e ispiratore del libretto che tanto ci è diventato prezioso. Grazie Marco!

Category: Santi

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE