Ultimi articoli inseriti Osvaldo
Ultimi articoli inseriti Elia
Ultimi articoli inseriti Capricci
Ultimi articoli inseriti Battaglie
Ultimi articoli inseriti Venite a me

Amerai

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». 
Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». 
Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocàusti e i sacrifici». 
Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo. Mc 12,28b-34

Quale il primo dei comandamenti? Domanda fondamentale in una religiosità che di precetti ne aveva oltre seicento, venduti, almeno da parte dei farisei, come tutti ugualmente importanti! Domanda che spesso risuonava nelle scuole rabbiniche, per educare i devoti all’osservanza delle norme. Ma la domanda è rivolta a Gesù da uno scriba che, più che aspettarsi una risposta, vuole dare sfoggio della sua cultura. Gli scribi, in origine, erano semplicemente degli scrivani incaricati di redigere i documenti ma, col passare dei secoli, erano diventati i depositari e gli interpreti della Torah: a loro ci si rifaceva se si desiderava interpretare correttamente la Legge. Può un falegname di Nazareth competere con tanta saggezza? No, ovviamente, e Gesù lo sa bene, aspettando dallo studioso una risposta. Risposta che arriva, attesa: così rispondevano la maggior parte dei rabbini, fra cui il famoso Hillel. Ma c’è un problema: lo scriba vive questo precetto fondamentale e fondante come un esercizio intellettuale. L’amore non gli pulsa nelle vene, non ha passione nelle sue parole, non emozione, non affetto. Stiamo attenti a non fare della fede un arido esercizio intellettuale! 

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina.
Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui

CHIUDI
CLOSE