Ultimi articoli inseriti Servo malvagio
Ultimi articoli inseriti Nodi e legature
Ultimi articoli inseriti Nostra Signora dei folli
Ultimi articoli inseriti Assunta
Ultimi articoli inseriti Il tributo

Il più grande

Quando gli inviati di Giovanni furono partiti, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: 
«Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che portano vesti sontuose e vivono nel lusso stanno nei palazzi dei re. Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: 
“Ecco, dinanzi a te mando il mio messaggero, 
davanti a te egli preparerà la tua via”.
Io vi dico: fra i nati da donna non vi è alcuno più grande di Giovanni, ma il più piccolo nel regno di Dio è più grande di lui. 
Tutto il popolo che lo ascoltava, e anche i pubblicani, ricevendo il battesimo di Giovanni, hanno riconosciuto che Dio è giusto. Ma i farisei e i dottori della Legge, non facendosi battezzare da lui, hanno reso vano il disegno di Dio su di loro».

Ancora Giovanni al centro della nostra riflessione. Gesù ha invitato i messaggeri del Battista incarcerato a guardare le tante opere della presenza del Regno, a cogliere i segni messianici che accompagnano la predicazione di Gesù. Tace, ora, il galileo, e pensa a Giovanni che sta per essere ucciso per le stupide brighe di una donna suscettibile. Sì, Giovanni è il più grande ma il più piccolo nel Regno è più grande di lui. Ci vengono le vertigini ad ascoltare tanta sicurezza, noi, pavidi e mediocri, che non siamo degni neppure di sciogliere il legaccio dei sandali a uomini che, come il Battista, sono morti in nome della propria coerenza e della fede. Eppure, ci rassicura il Maestro, anche noi possiamo diventare così, anche noi siamo resi capaci di tanta santità, di tanta forza, di tanta coerenza. Ma, ammonisce il Signore, dobbiamo prima avere il coraggio di credere e di convertirci, come hanno saputo fare i pubblicani che si sono fatti battezzare. Il rischio, terribile, per noi devoti è quello di fare come i farisei che, rifiutando il pentimento, dice Gesù, hanno reso vano il progetto di Dio su di loro. Dio ha un progetto di luce e di pace su ciascuno di noi: non rendiamolo vano!

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE