Ultimi articoli inseriti Amici veri
Ultimi articoli inseriti Un piatto di pasta
Ultimi articoli inseriti Compassione
Ultimi articoli inseriti Immacolata
Ultimi articoli inseriti Casa sulla roccia

Un lupo alla porta

Una donna riprende col telefono e invia in diretta ciò che accade: un poliziotto ha appena sparato al suo fidanzato in auto, agonizzante sul sedile, perché stava mettendo la mano in tasca per mostrare i documenti di legale possesso di una pistola. La figlia, sul sedile posteriore, urla. L’ucciso è un nero, l’ennesimo ucciso dalla polizia. 

L’indomani una folla scende in strada per manifestare contro il razzismo. Un ex-veterano decorato, nero, si apposta su un tetto e con un fucile di precisione spara sulla folla, mirando ai poliziotti, bianchi. Cinque morti, sette feriti.

A Fermo un rifugiato nigeriano, fuggito da Boko Haram, che ha perso i genitori, una figlia nella violenza del suo paese, viene ucciso dal pugno di un tale che, afferma, di avere agito per legittima difesa. Grande dibattito fra politici e sui giornali. Quasi nessuno nota che il litigio è nato per un insulto rivolto alla fidanzata: scimmia. L’avvocato difensore del soggetto afferma che ormai non è un insulto. Il cugino dell’indagato, noto alle forze dell’ordine per altre bravate violente, afferma che si divertiva a lanciare noccioline agli africani, gioco innocuo, secondo lui. Parliamone.

La cronaca acida e impietosa di questi giorni ci invita a riflettere sulla violenza che portiamo nel cuore e che si scatena per diverse ragioni nate e nutrite dalla paura e dal pregiudizio.

Alle tante riflessione fatte da persone autorevoli, riguardo al tema della giustizia, del razzismo, della paura del diverso, vorrei aggiungerne uno, da credente.

Dio, rivolgendosi a Caino, afferma:

«Perché sei irritato e perché è abbattuto il tuo volto? Se agisci bene, non dovresti forse tenerlo alto? Ma se non agisci bene, il peccato è accovacciato alla tua porta; verso di te è il suo istinto, e tu lo dominerai». (Gn 4,6-7)

Il peccato è accovacciato alla porta del nostro cuore, come un cane rabbioso, come un lupo pronto a sbranarci. La violenza è dentro il cuore di ciascuno di noi.

Sta a noi decidere se dominarla o no.

Un racconto dei nativi americani parla di due lupi, uno bianco, buono, l’altro nero, malvagio, che abitano in noi. Ogni giorno dobbiamo decidere chi nutrire e far crescere.

 

Category: Pensieri

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina.
Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui

CHIUDI
CLOSE