Ultimi articoli inseriti Amici veri
Ultimi articoli inseriti Un piatto di pasta
Ultimi articoli inseriti Compassione
Ultimi articoli inseriti Immacolata
Ultimi articoli inseriti Casa sulla roccia

Strade nel mare, macigni spostati

Pasqua è la festa delle strade nel mare.
Pasqua è la festa dei macigni spostati.

Il popolo di Israele, fuggito dalla schiavitù ma non ancora libero, perché lunga e impegnativa è la strada che porta verso la libertà, si trova di fronte al mare, inseguito dalla furia vendicativa di Faraone omicida.

Il mare: il luogo dove abita il Leviathan, il mostro che inabissa le barche.

Il Leviathan: la paura del terrorismo, il capitalismo che crea povertà, il nichilismo che divora le coscienze e i cuori, la disistima, il senso di fallimento.

Eppure, dice la Scrittura (Salmo 77,20), il popolo vide un sentiero sul mare. Una strada. Pasqua non è prosciugare il mare. O uccidere il Leviathan. O aspettare una nave da crociera che ci salvi.

Pasqua è vedere la strada nel mare. E percorrerla.

Le donne sono in ansia perché non sanno come faranno a rovesciare la grande pietra messa a sigillo del tomba in pietra, ultimo regalo di Giuseppe di Arimatea. Quante pietre, ancora oggi, schiacciano il nostro cuore, ci impediscono di risorgere, ci tengono nel buio. E non sappiamo come fare. Non ne abbiamo le forze, non ne siamo capaci.

Pasqua è la festa delle pietre ribaltate, dei macigni che volano come sassolini.

Non siamo noi a farlo, è Gesù, il risorto.

Buona passeggiata sulle acque.

Ribaltate le pietre e stendetevi a prendere il Sole.

Category: Pensieri

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina.
Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui

CHIUDI
CLOSE