Ultimi articoli inseriti Venite a me
Ultimi articoli inseriti Pecore perdute
Ultimi articoli inseriti Amici veri
Ultimi articoli inseriti Un piatto di pasta
Ultimi articoli inseriti Compassione

Sentimento in azione

Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: “La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!”. (Mt 9,36-38)

Gesù prova compassione per le folle almeno due volte nei vangeli. Ma la sua compassione, come abbiamo imparato in questo anno in cui mediteremo sul volto compassionevole del Padre e sul valore della misericordia che non è solo un’emozione ma un sentimento in azione. Così, una prima volta, la sua compassione si trasforma in pane, pane fisico, fragrante e saporito. E la seconda volte, qui, la sua compassione si trasforma in Chiesa. La Chiesa è il sentimento in azione di Dio, la soluzione al dolore del mondo, la compagnia di Dio agli uomini. Così accade: Gesù sceglie (buontempone!) di trovare una soluzione alla solitudine e alla confusione degli uomini mandando loro altri uomini, fragili e scostanti, piccini e claudicanti, mendicanti e ciechi ma perdonati e redenti, salvati e coscienti, in modo da trovare un approdo, dei compagni di viaggio, degli specchi. Anch’io sono perplesso, come voi. Avrei preferito una bella apparizione, una spettacolare teofania divina, un bel miracolo privato. E invece no, il sentimento in azione di Dio è sempre diverso da come ce lo saremmo aspettati…

Category: Parole

Tags:

One comment

  1. Il Signore vi faccia crescere e abbondare nell’amore vicendevole e verso tutti, come è il nostro amore verso di voi, per rendere saldi e irreprensibili i vostri cuori nella santità, davanti a Dio Padre nostro, al momento della venuta del Signore nostro Gesù con tutti i suoi santi. 1 Ts 3,12-13
    L’ Amore vicendevolve verso tutti come è il mio Amore verso di voi, ci ricorda San Paolo, e questo è molto importante, perché gli uomini sono portati ad amare solo chi dimostra amore, rispetto, fiducia, benevolenza… nei loro confronti; sono portati a provare compassione e a dire parole di circostanza a coloro che soffrono nel corpo e nello spirito; sono portati a provare rancore e disprezzo per coloro che non camminano sulla loro stessa strada e non condividono i loro pensieri, ma il Signore ci dice: “I miei pensieri non sono i vostri pensieri e le mie vie non sono le vostre vie!” Pertanto, dobbiamo sforzarsi di camminare sulle vie del Signore e condividerne i pensieri, per quanto assurdi ci possano apparire, consapevoli del fatto che Egli ama tutti indistintamente, ma che il Suo Amore è per tutti, e per ciascuno, unico ed esclusivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina.
Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui

CHIUDI
CLOSE