Ultimi articoli inseriti Venite a me
Ultimi articoli inseriti Pecore perdute
Ultimi articoli inseriti Amici veri
Ultimi articoli inseriti Un piatto di pasta
Ultimi articoli inseriti Compassione

AAA cercasi

(Saranno i cinquant’anni, sarà il silenzio del mio rifugio in montagna, peccato per l’assenza totale di sorella neve che aspetto con trepidazione, sarà perché il Signore mi conduce su strade sempre nuove e sto diventando proprio pigro. Così, lontano dal chiasso, connessione “solo” tre volte al giorno per non farmi magnare, ecco alcuni dei discorsi sentiti per strada, in negozio, in televisione, letti sui giornali on.line. Discorsi natalizi. Indovinate chi manca?)

C’era poca gente in piazza San Pietro, colpa della paura dell’Isis, colpa dei troppi controlli di sicurezza, ma no in fondo va bene così. La battaglia del presepe da fare o da disfare e soprattutto da brandire come arma politica pro o contro non si sa che cosa. I valori dell’occidente da Charlie Hebdo (qualcuno se lo ricorda?) al Bataclan, temporaneamente sospesi fino a dopo le feste. Papa Francesco è un grande, no è l’antiCristo. I preti che dicono ai bambini che Babbo Natale non esiste e i genitori che si vestono da elfi all’uscita della Messa per protesta. I settecento (!) gesùbambini morti annegati nel Mare mostrum. La Siria e la Libia e quei paesi lì che se le danno di santa ragione si ammazzassero tutti fra di loro. Non esistono gli islamici moderati, che battano un colpo. I miei alunni musulmani, da qualche mese, sono spaventati. Qualcuno mi spieghi perché un dolce milanese si è imposto come dolce di Natale in tutta Italia. Ormai in tivù si vede solo gente che fa da mangiare, il nuovo idolo è il cibo! Dicono dicono ma vedrai che alla fine tutte le banche falliranno mangiandosi i nostri soldi.

(Mio figlio, per il secondo anno consecutivo, ha fatto un presepe con i Lego, molto carino. Ieri mi ha fatto vedere i Magi: tre brutti ceffi con la barba. Uno arriverà in moto, l’altro vestito da soldato dell’Impero e uno con la reflex così poi posta su Internet. Dialoghiamo: “Ma, scusa, questo non era un pirata?” “Sì, certo”, “E questo con la benda non era un bandito che scappava?” “Ma sì!”, “E fanno i Magi?” “Papà, dai, tutti possono cambiare!)

Category: Diario personale

Tags:

4 comments

  1. Sì, tutti possono cambiare! Fino alla fine non si può dire nulla. Lasciate che i Bambini vengano a me, dice Gesù, perché i bambini, a parte il fatto che sono capaci di intendere la verità senza preamboli, senza se e senza ma, parlano e dicono, senza peli sulla lingua ciò che il cuore, ispirato, suggerisce loro.
    Bravo J. , continua così e anche tu sarai un grande! Il discepolo può essere pari al suo maestro.
    P.S.; Non dimentichiamo, però, che solo l’Amore gratuito, donato senza chiedere nulla in cambio, riesce a cambiare anche il lupo.

  2. Bravo Jacob!!!
    TUTTI possono cambiare, l’importante è crederci, l’importante è sperare, l’importante è vedere nell’altro anche un piccolo barlume di umanità…
    …l’importante è continuare a pregare questo pazzo-coraggioso nostro Dio che per amore di ogni uomo si fa Bimbo in una culla dove noi possiamo essere la Sua paglia ed accoglierlo.
    BUON NATALE a tutti e due <3

  3. Complienti a Jak per il presepe e per l’acuta riflessione! E’ il caso di dirlo, tutto suo padre! Certo, tutti possono cambiare e quanti poco di buono son diventati Santi! Anche noi possiamo cambiare, se ci lasciamo abitare dall’Unico che può farlo e se torniamo a farci un po’ bambini, per cogliere l’essenziale! Buon riposo a voi e buone Feste!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina.
Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui

CHIUDI
CLOSE