Ultimi articoli inseriti Levi
Ultimi articoli inseriti Liti e capricci
Ultimi articoli inseriti Vedova di naim
Ultimi articoli inseriti La fede del centurione
Ultimi articoli inseriti Uva dai rovi

Ferragosto

Lc 1,39-56

Ferragosto: il cuore dell’estate, la festa più grande delle vacanze. Per noi, però, ricorda la festa dell’Assunzione di Maria, che ci richiama all’opera di Dio in Maria di Nazareth, discepola del Signore.

Bella festa, quella di oggi, che porta con sé un rischio: quello di sottolineare le così tante straordinarietà della madre di Gesù dal finire coll’allontanarla anni luce dalla (povera) concretezza della nostra vita. Insomma: il più grande torto che possiamo fare a Maria è quello di metterla in una nicchia e incoronarla! Da ridere, al solito: (vuoi punto e virgola o due punti?) il Signore ci dona una discepola esemplare, una donna che, per prima, ha scoperto il volto del Dio incarnato, e noi subito a metterla sul piedistallo, santa stratosferica da invocare nei momenti di sofferenza… Per favore: no! Maria ci è donata come sorella nella fede, come discepola del Signore, come madre dei discepoli. Questa è la festa dell’Assunzione, la storia di una discepola che ha creduto davvero nella Parola del suo Dio, che insegna a noi, tiepidi credenti, l’ardire di Dio, la follia dell’Assoluto. Noi crediamo che questa donna, prima tra i credenti, dopo la sua lunga esperienza di una fede abitata dal Mistero, è andata al Dio che l’aveva chiamata. Non poteva conoscere la corruzione della morte colei che aveva dato alla luce l’autore della vita. Siamo in buona compagnia, amici! Grandi cose ha fatto Dio in Maria: grandi cose può fare in noi, se lo lasciamo fare…

Category: Santi

Tags:

One comment

  1. Intanto la festa di oggi rievoca l’assunzione al cielo della madonna?
    Inoltre, nel vangelo di oggi mi ha colpito un aspetto che in realtà noto spesso anche negli altri passi, ovvero, in questo caso, il parlare forbìto della Madonna nei confronti di Elisabetta: sono entrambi donne molto molto semplici, come può Maria “partorire” una tale dialettica? E’ sempre opera del Signore che si serve di Lei x parlarci? E se così fosse xchè nn adottare un vocabolario + alla portata di tutti?
    Grazie e buon ferragosto
    salvatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE