Ultimi articoli inseriti Non pace ma spada
Ultimi articoli inseriti Sotto l’ombrellone
Ultimi articoli inseriti Capelli e passeri
Ultimi articoli inseriti Come pecore in mezzo ai lupi
Ultimi articoli inseriti Andate!

Santa Cecilia

Da diversi anni con questo blog voglio tenere il contatto con le migliaia di lettori che mi onorano della loro amicizia e fiducia. E, ogni settimana, condivido la Parola e qualche aneddoto che cerco di leggere alla luce della presenza del Signore.
In questi giorni sono con la mia famiglia a prendere un po’ di aria di mare e, come da nostra consolidata tradizione, alterniamo la vita da lucertola in spiaggia a qualche giro culturale.
Così mi sono trovato a visitare Massa Marittima, nel cuore della Maremma, una delle ultime città toscane che non avevo mai visto. Una piazza medievale mozzafiato, alcune chiese degne di rilievo e, inatteso, un minuscolo e straordinario museo dell’organo a canne italiano.
Pochi pregiatissimi pezzi organizzati in alcune grandi stanze, piccoli organi restaurati e di pregio. Pur sapendone qualcosa, vengo così a conoscenza dell’esistenza di un organo a canne portatile dell’Ottocento (!), del fatto che la tastiera italiana, pur avendo tasti bianchi e neri non aveva gli accidenti quindi, fino a fine Ottocento, non si poteva suonare Bach, scopro l’esistenza di una specie di carillon francese a manovella non più grande di una scatola di biscotti con annesso mantice e minuscole canne che esegue il “Va pensiero” verdiano e del fatto che il fortepiano, nonno del pianoforte, usato in ambienti domestici, aveva un suono assolutamente straordinario e ascoltare Beethoven o Mozart sul primo, coevo ai due autori, è davvero un altro pianeta di emozioni.
Ma la cosa più straordinaria del museo è… il curatore dello stesso, il dottor Lorenzo Ronzoni, modenese, che funge da bigliettaio, cicerone, organista e organaro e che trasmette una passione per la musica che raramente ho visto, riuscendo a catturare l’attenzione del mio pre-adolescente.
Una bella iniezione di fiducia per chi vive solo di pessimismo: il genio italico si trasmetta non solo attraverso le piccole e grandi storie di invenzioni ma anche attraverso chi fa della passione il proprio mestiere.

http://www.museodegliorgani.it/

Category: Incontri

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE