Ultimi articoli inseriti Elia
Ultimi articoli inseriti Capricci
Ultimi articoli inseriti Battaglie
Ultimi articoli inseriti Venite a me
Ultimi articoli inseriti Pecore perdute

Non più incredulo

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!». Gv 20,24-29

Oggi celebriamo la splendida figura di Tommaso apostolo, protagonista di una delle pagine più intense dell’intero vangelo, per ricordarci che la fede passa anche attraverso il superamento del dolore.

Tommaso è soprannominato didimo, cioè gemello. È vero: ci assomiglia, e tanto. È come noi nell’entusiasmo con cui ha incontrato il Maestro, sempre disposto a seguirlo anche quando, così ci dice Giovanni, il ritorno in Giudea per guarire Lazzaro era pericoloso. Ci assomiglia nella serietà delle sue richieste, nel volere e ricercare delle indicazioni per seguire la sua via, ricevendo così, anche per noi, da Gesù, la splendida risposta: io sono la via, la verità, la vita. Ci è simile anche negli aspetti negativi quando, come tutti i discepoli, fugge davanti agli eventi dell’arresto e della crocefissione. Ci assomiglia quando, tornato al Cenacolo, accoglie con freddezza la testimonianza di Pietro e degli altri che gli annunciano di avere incontrato il Signore Risorto. Anche noi siamo perplessi davanti all’incoerenza di una Chiesa che, spesso, non vive ciò che proclama. Ma, lo voglia il Signore, speriamo noi di essere simili a Tommaso nella sua grande fede quando, pur non credendo all’annuncio dei suoi amici, resta con loro. Non fugge, non fa lo schizzinoso, non pensa di essere migliore di loro. E fa bene perché proprio per lui poi viene il Signore risorto invitandolo a credere e a superare il suo dolore. Grandissimo Tommaso!

Category: Santi

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina.
Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui

CHIUDI
CLOSE