Ultimi articoli inseriti San Luca
Ultimi articoli inseriti Pattume
Ultimi articoli inseriti Giona
Ultimi articoli inseriti Bevi e divertiti
Ultimi articoli inseriti Grembo

La tempesta sedata

In quel tempo, salito Gesù sulla barca, i suoi discepoli lo seguirono. Ed ecco, avvenne nel mare un grande sconvolgimento, tanto che la barca era coperta dalle onde; ma egli dormiva.
Allora si accostarono a lui e lo svegliarono, dicendo: «Salvaci, Signore, siamo perduti!». Ed egli disse loro: «Perché avete paura, gente di poca fede?». Poi si alzò, minacciò i venti e il mare e ci fu grande bonaccia.
Tutti, pieni di stupore, dicevano: «Chi è mai costui, che perfino i venti e il mare gli obbediscono?». Mt 8,23-27

Siamo chiamati a passare all’altra riva ma può succedere, una volta iniziata la traversata, di essere travolti dalla tempesta. Gesù non ha un nido, una tana dove riposare: la fede non è un comodo rifugio che ci protegge dalle disgrazie della vita, al discepolo la sofferenza non è evitata. Allora può succedere, e ci succede, di trovarci in mezzo ad una bufera, di esserne travolti, di avere l’impressione che tutto ci crolli intorno. E che Dio, nel frattempo, dorma beato. Abbiamo creduto alla Parola, ci siamo convertiti, abbiamo accolto nella nostra vita il volto luminoso del Dio di Gesù, siamo diventati discepoli sull’onda dell’entusiasmo. Poi, alla prima difficoltà, sembra che tutto crolli. Un problema di salute, o sul lavoro, o in famiglia… ed ecco che tutto sembra precipitare in un baratro: ci assalgono dubbi di fede. E se ci fossimo sbagliati? Se Gesù non fosse così come abbiamo immaginato che sia? È normale che ciò avvenga, è normale che durante la traversata più e più volte la nostra fede venga messa alla prova dalle turbolenze della vita. Rassicuriamoci allora: il Signore è sempre con noi, anche se sembra dormire, è sulla nostra barca, non abbiamo paura!

Category: Parole

Tags:

3 comments

  1. Come capisco!
    Tante volte ho desiderato che mi fossero risparmiate delle fatiche!
    in questi casi ho sempre pensato a Maria.

  2. La mia domanda non era mai “Se Gesù non fosse così come abbiamo immaginato che sia?”
    La mia domanda è “Se CRISTIANI non fossero così come Gesù abbia voluto che siano?”!!!!!
    Perché….. se un fratello o una sorella, che ha letto e riletto i Vangeli, come Dio comanda….. legge scritto dalla sua sorella in Cristo di trovarsi:
    “….BASTONATA,
    DERUBATA
    E LASCIATA
    MEZZA MORTA
    “sulla strada di Gerico”
    aspettando inerme
    che qualche “BUON SAMARITANO”
    si chinasse a vedere
    se è rimasto ancora
    un briciolo di vita in me…”

    CREDO, che COME MINIMO, questo fratello o sorella in Cristo avrebbe dovuto chiedermi: CHI ti ha BASTONATO, sorella, CHI ti ha DERUBATO, E CHI ti ha lasciato MEZZA MORTA sulla strada della vita?!?
    Eppure succede il contrario!!! Vengo GIUDICATA COLPEVOLE per le mie scelte di vita, per aver scelto di percorrere quella “strada di Gerico” poco sicura…. vengo guardata con DISPREZZO!!!
    Ma cosa sta scritto nel Vangelo? (Galati 6:9-10)
    “E non stanchiamoci di fare il bene; se infatti non desistiamo, a suo tempo mieteremo. Poiché dunque ne abbiamo l’occasione, operiamo il bene verso tutti, SOPRATTUTTO VERSO I FRATELLI NELLA FEDE.”

    IO SONO quella sorella FATTASI PICCOLA per amore di Gesù, che ha bisogno di un aiuto CONCRETO ED IMMEDIATO, mentre i miei fratelli nella fede girano la testa dall’altra parte mormorando tra sé e sé: “… si rivolga agli servizi sociali… cosa vuole da me….” 🙁

    1. Gina il fatto che una persona ha letto o riletto i Vangeli, non significa che sono vicini al Signore, perchè ci sono persone che si credono cristiane ma in realtà non lo sono mentre altre che invece lo sono realmente. I Vangeli esistono per essere un vero cristiano ma dipende dall’uomo se sono vicini a Dio o no.
      Io sento spesso dire che alcune persone non vanno in chiesa perchè altre persone si comportano male, ma facendo così non si va in chiesa a causa del male dell’uomo ma Dio vuole che bisogna seguire il cuore Suo e non quello dell’uomo. «Maledetto l’uomo che confida nell’uomo” e “Benedetto l’uomo che confida nel Signore” ( Geremia 17, 5-8). Ad esempio in una classe ci possono essere ragazzi che che studiano e fanno il loro dovere e prendono ottimi voti e altri che prendono scarsi voti perchè non si impegnano e non fanno il loro dovere. Comunque ti dico che DIO TI AMA, non arrenderti mai e non dimenticartelo. Non so di dove sei ma ti consiglio di informarti su un gruppo di chiesa e frequentarlo che si chiama “Rinnovamento nello Spirito”, li potresti incontrare fratelli che ti possono aiutare e incoraggiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE