Ultimi articoli inseriti Non avete letto!
Ultimi articoli inseriti Peso leggero
Ultimi articoli inseriti Evviva!
Ultimi articoli inseriti Il capo di cenere
Ultimi articoli inseriti Non pace ma spada

Le case di Mosul

Le case di Mosul bruciano, e le persone sono appese, impiccate.
Dov’è l’amore?
Dov’è la verità?
Dov’è la compassione?

Francesco e i ragazzi dei The Sun, rock band italiana di cui ho già parlato in un altro post e che mi onorano della loro amicizia, questa volta sparano in alto.
Sul loro percorso musicale hanno incontrato un tale Gesù che li ha ribaltati e ha deciso di usarli per raggiungere mille giovani su percorsi di luce. E di farlo con linguaggi e strumenti nuovi. Quelli musicali.
Niente melodie stucchevoli e zuccherate, però. Piuttosto quelle dure e pungenti di un ottimo sound scritto e arrangiato da professionisti quali sono.
Ed è Francesco stesso a spiegare perché, dopo tre anni di attesa, il nuovo album è preceduto da questo singolo così feroce. Perché, semplicemente, anche nel mondo delle band questo è un tema tabù. Si canta di amori falliti, di ingiustizie sociali, si gioca a fare gli alternativi.
Ma di quelle centinaia di migliaia di persone che muoiono in Iraq e in Siria, a nessuno fotte niente. Specie dei cristiani che lì vivono da duemila anni.
Una canzone da ascoltare più volte.
Un messaggio coraggioso che, almeno, sposterà i riflettori sull’assurdo silenzio dell’occidente, preparandoci alla veglia di sabato sera.
Un uomo corre fra le fiamme e i volti sconvolti, fra le urla e i pianti. Alla fine sono in tanti a correre, ad agire. E i volti si fanno sorridenti.
Speriamo.

Se il mondo va a fuoco, brucerò anch’io.

THE_SUN_CUORE_APERTO_COVER-300x300

Category: Incontri

Tags:

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE