Ultimi articoli inseriti Ruoli e morte
Ultimi articoli inseriti Davanti ai tribunali
Ultimi articoli inseriti Passeri e capelli
Ultimi articoli inseriti San Luca
Ultimi articoli inseriti Tisane

Felicità

E’una specie di sondaggio scherzoso, d’accordo.
Basato sui messaggi presenti su Twitter, va bene.
Ma fa impressione la “mappa della felicità” che ne è derivata (http://www.corriere.it/tecnologia/15_marzo_18/ihappy-mappa-felicita-italia-provincia-provincia-scarica-l-ebook-gratuito-dati-e249909e-cd8c-11e4-a39d-eedcf01ca586.shtml) e che viene riportata oggi da alcuni quotidiani nazionali.

Quindi: stando ai messaggi twitter analizzati, la città più felice d’Italia sarebbe Cagliari, seguita da Lecce, Genova, Parma e Brindisi. La più “triste” Milano preceduta da Napoli e Latina. La mia Aosta è al quintultimo posto. I commenti si sprecano: i milanesi scrivono che al Sud non hanno niente da fare e twittano, peccato però che ci siano di mezzo Genova e Parma. Altri parlano di stereotipi.
Capisco, però, che a Napoli si viva una vita dura, nonostante il luogo bellissimo, e che Milano abbia perso perso lo smalto che ne faceva che ne faceva la capitale economica d’Italia.
Capisco anche che, nonostante il Paradiso terrestre in cui mi trovo a vivere, ambienti chiusi ed auto-referenziali come Aosta possano ingenerare depressione…

Ciò detto, la lettura di questo articolo è una magnifica scusa per interrogarmi sul concetto di “felicità”. Ci sono certamente degli elementi oggettivi che rendono un luogo più gradevole da vivere: qualità della vita, lavoro, bellezza, salubrità ambientale. Avendo visitato Cagliari non mi stupisco che suoi abitanti siano felici del panorama mozzafiato che li accoglie! E della incredibile qualità culinaria di Parma… Ma, detto questo, ritengo che la felicità sia un atteggiamento del cuore.

Che si twitti o meno, solo un cuore che è orientato ad andare oltre l’apparenza, a cercare il senso della vita e delle cose, a cogliere il grande piano di Dio sull’umanità sa camminare verso una felicità piena e duratura. Lavorando, ovviamente, per togliere gli ostacoli alla felicità quotidiana (lavoro, benessere, ambiente) ma cercando dentro e al di là di questa felicità solo mondana quella che ci porta alla conoscenza di Dio.

Category: Diario personale

Tags:

One comment

  1. Non sai quanto sono d’accordo con te!
    Com’è difficile vivere limitandosi a ciò che fa parte della concretezza e dell’evidenza!
    Sono convinta però che il desiderio di conoscenza dell’Amore assoluto nasca solo in seguito ad un’esperienza intima con il Signore…e da lì si è sempre alla ricerca di rinnovamento e di arricchimento interiore.
    <>(Antoine De Saint- Exupèry)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE