Ultimi articoli inseriti Fiamme smorte
Ultimi articoli inseriti Non avete letto!
Ultimi articoli inseriti Peso leggero
Ultimi articoli inseriti Evviva!
Ultimi articoli inseriti Il capo di cenere

Riassumendo

Risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni. Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero.
Dopo questo, apparve sotto altro aspetto a due di loro, mentre erano in cammino verso la campagna. Anch’essi ritornarono ad annunciarlo agli altri; ma non credettero neppure a loro.
Alla fine apparve anche agli Undici, mentre erano a tavola, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto. E disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura».Mc 16,9-15

Il vangelo di Marco si era chiuso in maniera troppo brusca, con le donne che il giorno delle resurrezione erano fuggite piene di spavento, senza dire niente a nessuno. Per questa ragione un discepolo dell’evangelista si era sentito in dovere di aggiungere qualche versetto, fornendo un riassunto delle apparizioni del risorto conosciute da tutta la comunità e aggiungendo una frase finale che è un capolavoro: i discepoli sono invitati ad andare in tutto il mondo ad annunciare il vangelo. Per farlo sono loro per primi a dover superare l’incredulità, a dover affrontare i propri dubbi… Alla fine della settimana dell’ottava di Pasqua, la Parola ci ricorda che anche i discepoli che hanno vissuto l’esperienza della resurrezione in presa diretta devono poi scontrarsi con le proprie incertezze! Non spaventiamoci, allora, se anche noi dobbiamo fare i conti con i dubbi della nostra fede! È salutare il fatto che ci interroghiamo, necessario, però, è il fatto di renderci conto delle nostre insicurezze, approfondendo con intelligenza le verità della nostra fede. Il Signore ha bisogno di discepoli dinamici e credibili, non di mummie piene di dottrina inviolabile!

Category: Parole

Tags:

4 comments

  1. Si! È vero, i dubbi si presentano nelle mente, così come, anche, le domande a cui non ancora è maturata una risposta.
    Domanda: Come si fanno a seppellire i dubbi sotto la fede?

  2. Non vanno mai seppelliti i dubbi ma sviluppati e presi come trampolini per approfondire la propria conoscenza. Poi, ovvio, la fede resta fiducia, non equazione matematica. Guai ad una fede che non si pone dubbi e li affronta con coscienza e umiltà.

  3. “…la fede resta fiducia, non equazione matematica”
    mi ha indotto ad un sorriso spontaneo e involontario quindi ad uno stato emotivo di benessere, forse dovuto anche alla personale formazione di studi (non umanistici) dove l’individuare l’insieme di tutte le soluzioni porta a risolvere un’equazione.
    “Fiducia”, certo, tutt’altra cosa (rispetto ad una certeza matematica), è il fidarsi senza timore che generalmente produce un senso di sicurezza e tranquillità.
    Peccato, che, questo stato emotivo lo si perda negli anni. Forse noi (adulti), a differenza dei bambini, dovremmo riscoprire la speranza, la gioia, la vita!, sostituendo il sospetto, la sfiducia, la diffidenza con l’affidamento, l’assegnamento, la fede!

    1. Certo, la matematica non è un opinione! Eppure, gli studi matematici, dovrebbero aprire la mente. Chi ha studiato matematica, vede con più chiarezza gli avvenimenti della vita. Pertanto, non c’é differenza tra chi ha studiato matematica e chi ha una formazione umanistica, anzi… La fede, poi, è un’altra cosa: la Fede è un affidarsi, un rompere i nostri schemi, è credere in qualcosa, in qualcuno, e nel nostro caso, è credere in quel Dio di Gesù Cristo che è venuto a raccontarci che la vera vita non è qui sulla terra, da dove, naturalmente, inizia a realizzarsi il Regno di Dio, ma sarà nell’altra vita, sarà nella vita definitiva, Eterna, nel bene o nel male. Gesù è Risorto, altrimenti, vana sarebbe la nostra Fede, e se noi camminiamo sulle sue orme, compiremo le opere che Lui stesso ha compiuto, e come Lui Risorgeremo.
      Un avviso: Qui, in questa vita, non sarà tutto rose e fiori, così come ci aspettiamo, Gesù stesso e i suoi discepoli hanno patito tribolazioni e persecuzioni, ma si sono mantenuti fedeli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE