Ultimi articoli inseriti Fuga
Ultimi articoli inseriti Follia divina
Ultimi articoli inseriti Io sono il pane di vita
Ultimi articoli inseriti Dacci questo pane
Ultimi articoli inseriti Sconforto

Toppe

In quel tempo, i discepoli di Giovanni e i farisei stavano facendo un digiuno. Vennero da Gesù e gli dissero: «Perché i discepoli di Giovanni e i discepoli dei farisei digiunano, mentre i tuoi discepoli non digiunano?».
Gesù disse loro: «Possono forse digiunare gli invitati a nozze, quando lo sposo è con loro? Finché hanno lo sposo con loro, non possono digiunare. Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto: allora, in quel giorno, digiuneranno.
Nessuno cuce un pezzo di stoffa grezza su un vestito vecchio; altrimenti il rattoppo nuovo porta via qualcosa alla stoffa vecchia e lo strappo diventa peggiore. E nessuno versa vino nuovo in otri vecchi, altrimenti il vino spaccherà gli otri, e si perdono vino e otri. Ma vino nuovo in otri nuovi!».

Gesù non è venuto a rattoppare una visione religiosa in difficoltà, non è venuto a mettere una pezza sullo strappo creato dall’intransigenza dei farisei e dei dottori della legge con il popolo, da essi guardato con disprezzo, ma a riformulare un modo nuovo di stare con Dio, attingendo alla più autentica fede ebraica. La miriade di precetti che avevano finito con l’ingabbiare l’originaria alleanza fra Dio e il suo popolo cedono il passo al primigenio e fondante comandamento dell’amore che imita l’amore di Cristo e che da lui attinge per amare se stessi e il prossimo. Il rapporto con Dio non è più fondato sul timore ma sull’amore sponsale: Gesù è lo sposo. Le norme, i precetti, le tradizioni religiose, allora, acquistano profondità e senso solo se ricondotte all’amore sponsale. Le pratiche devozionali non vengono eliminate ma ricomprese e riformulate. Il digiuno che serve a ricordarci cosa è essenziale, che manifesta la nostra ricerca interiore non è più un merito agli occhi di Dio, ma il lamento della sposa che ha nostalgia dello sposo. Continuamente, anche nella Chiesa, dobbiamo capire il senso di ciò che facciamo e riportarlo all’essenziale.

Category: Parole

Tags:

One comment

  1. Volevo solo ringraziare Paolo Curtaz, sono persone come Lui o come il Card. Ravasi, ma anche tantissimi altri sacerdoti, che tanti giovani si Innamorano di Gesù.
    Grazie
    Roberto Coletta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE