Ultimi articoli inseriti Non conviene sposarsi
Ultimi articoli inseriti Settanta volte sette
Ultimi articoli inseriti Assunta in cielo
Ultimi articoli inseriti Diventare bambini
Ultimi articoli inseriti La tassa del tempio

Cosa è lecito

In quel tempo, di sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli, mentre camminavano, si misero a cogliere le spighe.
I farisei gli dicevano: «Guarda! Perché fanno in giorno di sabato quello che non è lecito?». Ed egli rispose loro: «Non avete mai letto quello che fece Davide quando si trovò nel bisogno e lui e i suoi compagni ebbero fame? Sotto il sommo sacerdote Abiatàr, entrò nella casa di Dio e mangiò i pani dell’offerta, che non è lecito mangiare se non ai sacerdoti, e ne diede anche ai suoi compagni!».
E diceva loro: «Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell’uomo è signore anche del sabato».

Il rispetto del sabato era una norma che differenziava Israele da tutti i popoli vicini. I romani, a causa di quel riposo settimanale consideravano gli ebrei dei pigri (loro, ovviamente, facevano lavorare gli schiavi!). Eppure quel riposo faceva la differenza, ricordava agli ebrei il primato di Dio e la loro dignità: gli schiavi non hanno un giorno di riposo. La forza con cui la Scrittura difende il precetto del sabato è motivata dall’importanza di un segno che indica la profonda realtà dell’uomo fatto per la festa e non per il lavoro. Ma, come spesso accade fra gli uomini religiosi e devoti, questa intuizione era poi stata svilita, confusa, irrigidita, al punto che una infinita serie di prescrizioni indicava le azioni da compiere, i passi da percorrere, il cibo da mangiare. Gesù è libero non perché fa l’anarchico, ma perché conosce la sostanza di quella norma e la sa applicare con intelligenza ed equilibrio. Non così i suoi detrattori che fanno dell’osservanza esteriore della legge il criterio attraverso cui giudicare la devozione delle persone. Gesù non si piega al loro ricatto e cita la Parola di Dio (che conosce bene!) giustificando così l’eccezionalità del suo agire.

Category: Parole

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE