Ultimi articoli inseriti Levi
Ultimi articoli inseriti Liti e capricci
Ultimi articoli inseriti Vedova di naim
Ultimi articoli inseriti La fede del centurione
Ultimi articoli inseriti Uva dai rovi

Patentini

In quel tempo, Gesù entrò nel tempio e, mentre insegnava, gli si avvicinarono i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo e dissero: «Con quale autorità fai queste cose? E chi ti ha dato questa autorità?».
Gesù rispose loro: «Anch’io vi farò una sola domanda. Se mi rispondete, anch’io vi dirò con quale autorità faccio questo. Il battesimo di Giovanni da dove veniva? Dal cielo o dagli uomini?».
Essi discutevano fra loro dicendo: «Se diciamo: “Dal cielo”, ci risponderà: “Perché allora non gli avete creduto?”. Se diciamo: “Dagli uomini”, abbiamo paura della folla, perché tutti considerano Giovanni un profeta».
Rispondendo a Gesù dissero: «Non lo sappiamo». Allora anch’egli disse loro: «Neanch’io vi dico con quale autorità faccio queste cose».

Scene da un’incomprensione. Gesù sta sulle scatole ai sadducei, conservatori e alleati con i romani, perché mete in discussione la loro gestione del tempio, ma anche ai farisei, perché fanno della loro devozione un’occasione di superbia e di separazione dagli umili, e sta sulle scatole anche agli scribi e ai dottori della Legge, perché lui, falegname, interpreta la Legge e predica senza avere studiato. È vero: Gesù non ha nessun mandato ufficiale, nessuna autorità che gli proviene dal suo status, o dalla sua origine. Non appartiene alla casta dei sacerdoti, o dalla tribù dei figli di Levi… Non ha i timbrini giusti, come si permette? Chi lo autorizza? Hanno ragione, teneri. Ma sono chiusi nella scatola della loro mente, senza volerne uscire. E Gesù li stana: da dove veniva Giovanni? Figuraccia: non hanno creduto a Giovanni e, ora che è morto, tutta la folla, e forse anche loro, sono convinti che fosse davvero il Messia. Col consueto ritardo, ovviamente. No, dice Gesù, non c’è bisogno di diplomi per fare il profeta, e quelli che rilasciano i diplomi non hanno riconosciuto il più grande dei profeti. E non riconosceranno neppure l’inviato di Dio, Non commettiamo lo stesso errore.

Category: Parole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE