Ultimi articoli inseriti Candelabri
Ultimi articoli inseriti Il seminatore
Ultimi articoli inseriti Come in una Cattedrale
Ultimi articoli inseriti Ha molto amato
Ultimi articoli inseriti Capricci

Furbizie

In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli:
«Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”.
L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”.
Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”.
Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce».

Il Signore Gesù loda la scaltrezza dell’amministratore disonesto perché ha messo impegno nel venir fuori da una situazione perlomeno imbarazzante. E annota, sconsolato: quanta arguzia mettono i figli di questo mondo nel risolvere le situazioni complicate e quanta poca intelligenza mettono nelle cose dello Spirito! Ha ragione il Signore. Purtroppo. Chi di noi non si preoccupa dei propri risparmi rosicchiati dall’inflazione e dal saliscendi dei mercati? Chi di noi non smuove amicizie e conoscenze per avere giustizia da un avversario o per tutelare il proprio posto di lavoro? La stessa intelligenza, la stessa arguzia, siamo chiamati a mettere nelle cose di Dio, ben sapendo che lui solo può colmare i nostri cuori, lui solo può darci quella stabilità e quella pace interiore che valgono più di ogni altra cosa. Animo, cercatori di Dio! Smettiamola di vivere una vita spirituale approssimativa e altalenante, lasciata all’improvvisazione e al caso. Chiediamo al Signore di avere una forte motivazione per fare bene i nostri conti, per investire là dove tignuola e ruggine non distruggono, dove dimora il Signore, dove ha sede la nostra pace…

Category: Pensieri

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE