Ultimi articoli inseriti Amerai
Ultimi articoli inseriti Mettiti d’accordo
Ultimi articoli inseriti La cattedra di Pietro
Ultimi articoli inseriti Il segno di Giona
Ultimi articoli inseriti Non ci abbandonare

Berlino

Intensa, lo sapevo. Più di quanto mi aspettassi, più di quanto temessi.Certo, a prenderla come la prendiamo noi Berlino è una bella botta in testa. So bene che è una città simbolo del ventesimo secolo e dell’Europa intera. La Prussia, prima, poi Hitler che ne fece la sua capitale, la spartizione e il muro, la capitale della locomotiva tedesca.

Una città enorme, con i suoi tre milioni e mezzo di abitanti e i suoi quattro milioni e mezzo di alberi, con la sua storia spezzata, i quartieri nuovi, il muro, i musei (oltre centro), gli oltre tremila (!) eventi quotidiani. Una città giovane, dinamica, multietnica, guardata ancora con diffidenza dalla Germania dell’Ovest, densa di ogni futuro immaginato e sperato.

Fa una certa impressione passare di fianco al quartiere generale della Luftwaffe Hitleriana o vedere il memoriale per gli ebrei uccisi in Europa sorgere a fianco del bunker che vide la morte del dittatore. O, ancora, vedere i resti del muro che divise per decenni la città e il Bundestag, già Reichstag, diventato una casa di vetro, accessibile a tutti.

Grande Berlino, grande popolo tedesco, sinceramente.

Un popolo che non ha paura di guardare e di pesare il proprio passato, anche se fa male. E che fa del futuro una scommessa, a partire dagli errori del passato.

Category: Pensieri

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE