Ultimi articoli inseriti Elia
Ultimi articoli inseriti Capricci
Ultimi articoli inseriti Battaglie
Ultimi articoli inseriti Venite a me
Ultimi articoli inseriti Pecore perdute

Un anno con Francesco

Era sera, avevo appena chiuso la valigia: l’indomani sarei partito per Israele, col cuore sempre un po’ pesante nel lasciare il mio Jak che patisce la mia assenza. Stavo preparando cena quando apparve alla televisione quel volto rotondo, bonario, intenso. Ricordo il suo lungo, lunghissimo silenzio a guardare la folla plaudente. Poi le sue prime parole da Papa: “Fratelli e sorelle, buonasera!”.
Le emozioni di quei pochi minuti sono rimaste: l’insistenza sul ruolo di vescovo di Roma, la richiesta di preghiera alla folla, la benedizione, la coraggiosa scelta del nome del santo più imbarazzante della Chiesa cattolica, il Somigliantissimo a Cristo.

Partii per Israele col cuore leggero.
Oggi, alla vigilia di un nuovo viaggio, lo sento ancora tale.

Intendiamoci: la popolarità di Francesco in questo anno è cresciuta a dismisura ed è decisamente pericolosa: in un mondo che consuma i personaggi e vive di superficialità il rischio di uno stravolgimento della figura del papato esiste. Ma tant’è: Francesco ha diritto ad essere se stesso, il parroco della Chiesa, e il suo stile, perché di stile si tratta, la sostanza è immutata!, sta avvicinando molti al vangelo, primo passo per la riscoperta del volto di Dio.
Si è trattato di un bello scherzo dello Spirito Santo, un dono alla Chiesa travolta dal fango e dallo scandalo. Una vera primavera di cui godiamo tutti.
Voglio ricordarmi a cosa serve un papa:
non è un personaggio da copertina che rivoluziona la dottrina come alcuni, scioccamente pensano,
né un facilone che non prende posizione sui valori non negoziabili (“ogni valore è non negoziabile o non è un valore!” ci ha ricordato Francesco) come affermano gli atei devoti (non credenti che dicono al Papa coma fare il Papa, da ridere!),
né il salvatore della Patria, perché il Papa non è la Chiesa, ma è un figlio della Chiesa con un incarico particolare.
Ma un buon Padre, un garante dell’unità, un appassionato del vangelo lontano anni luce dai bizantinismi curiali, schietto e diretto, uomo di preghiera e di annuncio.
E la sua elezione rende ancora più trasparente e cristallina la scelta profetica di Benedetto, immenso e umile Papa che ha preferito andarsene visto che nessuno gli dava retta, azzerando di fatto la situazione.
Pietro resta, nell’uno e nell’altro, ricordando a me e a tutti che cosa è Chiesa, chi è Chiesa e che ogni (legittima) chiave di interpretazione umana non fa che svilire il vero volto del sogno di Dio.

Un anno.
Cerchiamo di essere all’altezza del dono di Dio che è Francesco.

Category: Pensieri

Tags:

6 comments

  1. Papa Francesco è un uomo giusto che si trova nel posto giusto e al momento giusto…può solo essere volontà Sua tutto quel che accade:la franchezza nella testimonianza, il contatto amorevole cercato e voluto con le persone,la semplicità con cui fa da ponte tra la Parola e la realtà della vita vissuta da ognuno di noi quotidianamente all’interno delle famiglie, al lavoro ,per le strade…, è espressione di una luce che viene dall’alto e che ci permette di vedere con chiarezza e di riconoscere il vero bisogno dell’anima:il Signore Gesù.

  2. Non si può non vedere l’opera dello Spirito Santo in questo cammino che la chiesa ha intrapreso, per poter testimoniare veramente la buona novella che nostro Signore ci ha donato. Grazie a Benedetto XVI per la sua grandezza e grazie a Dio per averci mandato papa Francesco che ci porterà per mano al rinnovamento della nostra fede.

  3. Ciao Paolo,
    io nei messaggi di questo grande Papa leggo tante (ma tante tante…) cose che ho letto nei tuoi libri (e che purtroppo, spesso, poche persone pensano, essendoci così tanto “farisei” in giro)
    O sbaglio…?

    Non ti montare la testa però!!! 😉

  4. … un bell’annetto … vissuto pericolosamente direi … almeno sul versante della comunicazione.

    Grazie a Dio per averci dato in questi tempi travagliati e difficili ben due Papi !!??!! Sarà che siamo messi proprio male.

    Francesco è un dono dello Spirito Santo …. Benedetto è l’assicurazione sul “bene” 🙂

    salùt
    Janus

  5. Chi l’avrebbe mai detto, Giovanni Paolo II, un Santo subito da morto, ha lasciato il posto a Benedetto XVI, Santo in vita che, a Sua volta ha ceduto il passo a Francesco, un altro Santo subito, ma questa volta in vita, senza parlare dei Loro Tre predecessori, anch’Essi Santi.
    Un secolo, questo, all’insegna della Santità.
    Possa, la nostra Santa Madre Chiesa, essere anch’Ella Santa come i nostri Cari e Benedetti successori di Pietro; possa Ella essere Santa, come il Signore Dio nostro è Santo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina.
Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui

CHIUDI
CLOSE